Antonio Agustin - Fulvio Orsini - 1559-5-29

From Fina Wiki


Antonio Agustin - Fulvio Orsini - 1559-5-29
FINA IDUnique ID of the page  1011
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Antonio Agustin
RecipientRecipient of the correspondence. Fulvio Orsini
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . May 29, 1559 JL
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Piedimonte matese 41° 21' 2.95" N, 14° 22' 4.91" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature. Agustin 1772, VII, p. 238-239, lettre XI1, Carbonell i Manils 1992-1993, p. 181, note 48, 185, note 61.2
KeywordNumismatic Keywords  price, collection, exchange, muses, roman republican, aquilius, longinus, fonteius, sulla, pompeius, aretas, greek, samos, lysimachus, lepidus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 29 mai 1559 (de Pedemonte): « Magn. Sig. Fulvio Carissimo semper aliquid Africa offert novi. Hò comperate ventidue medaglie d’argento par 35. Carlini quasi tutte duplicate, e così saranno al certo vostre se legiudicarete degne dell’Erario vostro. Dirò le più insigne, e la prima, e l’ultima è una musa, laquale non so se hebbi da voi in Roma, è appoggiata ad una colonna colla mano alla gola meditando, e nell’altra distesa inanti par che habbia due tibie, о come in Roma ci pareva un volumedi verti, e l’imponessimo nome di Calliope, perche in vero nel resto la positura è simile à quelli pili, che feci io cavar in disegno, dove era costei la prima delle muse. Hora credo siano tibie, e così sarà Euterpe, se così hà nome quella à chi si danno. Parmi ricordar che habbiamo sei fin hora. Thalia della commedia, Melpomene della tragedia, due che sonano la lira Terpsicore & Erato, (battezatele come vi piace). Urania colla sfera, e collei delle tibie, mancano tre: Calliope, e Clio, & una che balla credo Polymnia. Vengo all’atre duplicate. Un M. ACILIO VALETV. & salute con quel roverso solito dell’HYGIA; un M. AQVILIO, con SICIL. ET VIRTVS, dove un soldato aiza un amalato. Credo sia quel M. AQVILIO, quem defendens Antonius (sive Crassus) eus deloricavit tunicam & ostendit cicatrices adverso pectore suspectus; benche in Cicerone dica M. AQVILIVS. Un LONGIN con la testa di Vesta, equel senatore con la tabella, forse Cassio quel giudice tanto rigoroso, ò vero per la legge Cassia Tabellaría. Quella della cività Q. THERM. MF. la quale voleva che fosse di Celare M. Gentile nostro. Unadi CN. LEN. Q. EX. SC. col genio G. P. R. il scetro, la corona, il timone, & il mondo, come vincitore, e patrone del mondo per mar e per terra, & hora appena Signori di Tivoli. Un FARSVELIO MENSOR colla libertà e biga. Un M. FONTEIO colla capra, & amore, e due stelle, e fulmine, cole hierogliphice fin hora. Un bigatodi L. FLAMIN.CILO. Un L. HOSTILIO SASERNA con una vittoria senz’ale, ma carica d’un trofeo e d’un caduceo. Un SEX. NONIO SVFENAS PR. L. V. PF. colla testa di Saturno. Un M. PLETORIO AED. COR. colla sella, e Cybele turrita. Un Q. POMPEIO RVFO, e SVLLA cos. senza le teste colle sedie sole. Una medaglitetta improntata d’un canto, dove è Nettuno adirato contro il gosso Mastro che la fece, e queste lettere: ΠΟΜ. Vl^D. Credo che volestero dir Romulo, il quale fece à Nettuno equestre li giochi Consuali, di quali dice Ovidio : Romule militibus sciti dare commoda sestis. Item per le medaglie, dove si trova : REX ARETAS, non so se sia di Scauro Aedile, ò d’altri. Si fa mentione di costui nel lib. II. cap. V.de Maccabei, e nell’epistola II. cap. XI. ad Corinth. benche non puo essere il medesimo, che civanno CC. anni dall’uno all’altro. Ma si vede che fu l’uno rè dell’Arabi, 1’altro Sig. di Damasco,/ e forse in Josepho trovarete che fu Socero di Erode Tetrarca. Parmi che si trovi una medaglia con un ponte dovedice LEP. al sicuro Aemiltius pons. Dice Marcellino lib. XXVI. (fecondo che trovo in Blondo) ab Aemilio Scauro : io credo può alla medaglia, e penso fossero i Lepidi differenti da Scauri, ancor che d’una famiglia di Aemilii. Di Melissa Concubina di Carneade fa mentione Valerio Maximo lib. VIII. cap.VII. à proposito di quella Greca, dove еrа l’аре, & il Lexicon greco dice che fu una moneta così chiamata. Vedete da chi lo piglia. Del Lisimaco suffocatore del lione lib. IX. cap. III. Della statua di Gorgia Leontino lib. VIII. cap. ult. Delle corone dioliva di due rami fatte, come in molte medaglie greche, & alcune Latine, lib.II. cap. I. Οδων παρεργον. In Constantino Lascari trovo citato un certo Q Ноmeriscissimo, desidero saper se havete quel libro, e diche cofe tratta. Di Feronia Dionys. lib. III. referito da non sòchi la chiama ανδροφορον φιλος εφανον ò vero φερσφονην. Di Minerva Tritonia, ò vero Tritogeria, come si vede le medaglie greche nella galea un Tritone trovo citato un luogo d’Aristofane ma non sò dove, & in Festo credo sia non sò che. Delle monete de Samij trovo una detta σαμάιων, del qual nome secondo Plutarco relato dal Lexicon greco fu un certo navigio ; vorrei saper dove lo dice Plutarco, e se fa à proposito di qualche medaglia. Nel medesimo trovo che li oboli furon detti per haver scolpito un obelo, ò vero obelisco, il quale rappresentavali raggi del sole secondo Plinio lib. 35. cap. 8. è citato Phocione per questo non so dove. Item κολυμσων numismatis genus. Saria mai quello de Tarentini? […] Torno alle medaglie ; se la medaglia dove sono LARES èdi L. Valerio, come io mi imagino, trovo in Val. Max. lib. II.cap. I. quel primo Valesio che diede origine alli Ludi Secolari nel’infirmità de suoi figlioli haver preghato li suoi Lares familiares di quali forse viene ancora il nome Valesii quasi Laresii, benche Zonara dica che à Valetudine io credo di qualche Valeso, o Voleso come penso che si trova nelli Fasti, & in una basi di M. Achille. Larei fono Dij Sabini, e prima si dicevano Lases: come dice l’uno e l’altro, Varrone, così Valesii & Valerii pur Sabini, credo ancora Fusii & Auselii, qui postea... Furii & Aurelii dicti. Volete una più bella fate sonar le саmapane, accender lumi e le girandole, e paghatemi lamancia, che hò trovato l’interpretazione delle lettere dove P. Ottavio, & io andassimo à Capitulo, M. LEPIDVS. AN. XV. PR. .O.C.S. (vedetche voglio una bella medaglia delle rare) M. Lepidus annorum quindecim Populi Romani ostem occidit civem servavit. Non lo credete? Se trovo un autore che lo dica, che direte ? Or lu leggete l’infrascitte parole : Aemilius Lepidus puer etiam tum progressus in Aciem hostem intremit сivem fervavit. Cujus tam memorabilis operis index est in Capitolio statua bullata & incincta praetexta S. C. posita. Vedete nella Medaglia la statua equestre, la qual cosa tacque l’autore, item con un trofeo, ò vero ferculo, almodo di quelli, qui opima spolia Jovi pheretrio ferebant. Tocca questo il predetto Valerio Maximo lib. III. cap. I. dicendo ancora : inter quae Aemilia gentis pueritia coronam mereri spolia rapere valuit. Degnatevi veder Plutarco se dice questo & altri libri, perche io non hò alcuni. Se non vipiacesse quel PR. interpretare Populi Rom. Dite praetextatus, perche in vero nella medaglia non si vede punto in mezzo. Non so se vi è nella vostra Questo M. L. credo che sia quel medesimo Tutor Regis Alexandrini non quel Triumviro il quale hebbe ancora una cosa simile del figliuolo di PriscoTarquinio, cum in pretextae annis occidisset hostem bulla aurea donatum constat &c. & in Macrovio lib. I. Saturn. di Africano si narra altro e tanto in Livio, e Plinio, & altri qui civicam recusavit à patre consule servato. Non posso rispondere all’ultima vostra per la celerità della mia andata in Sicilia. Adio Sig. Fulvio e tutti li amici. Di Pedemonte alli XXlX di Maggio MDLlX” (Agustin, Opera omnia, VII, 1772, p. 238-239, lettre XI).

References

  1. ^  Agustin, Antonio (1772), Opera omnia, VII, Lucca.
  2. ^  Carbonell i Manils (1992-1993), "Fulvio Orsini i Antonio Agustín, precursores de la moderna numismática", Annals de llnstitut dEstudis Gironins (Girona), XXXII, p. 169-186.