Apostolo Zeno - Andrea Cornaro - 1727-5-24

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Andrea Cornaro - 1727-5-24
FINA IDUnique ID of the page  6716
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Andrea Cornaro
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . May 24, 1727
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Vienna 48° 12' 30.06" N, 16° 22' 21.00" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Leopoldo Tassis, Jean Hardouin, Gian Domenico Tiepolo
LiteratureReference to literature. Zeno 1752, vol. 2, lettre n° 240, p. 477-4781, Zeno 1785, vol. 4, lettre n° 713, p. 185-1862, Tomassoni 20213
KeywordNumismatic Keywords  medals, forgeries, pescennius, roman, coin price, caesarea, matidia
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia https://archive.org/details/lettere00zenogoog/page/n195/mode/2up
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 24 mai 1727 (de Vienne): "Vi ringrazio della medaglia papale di Giulio II. la quale se fosse di conio, come è di getto, sarebbe rarissima. Così tuttavia l’ho molto cara, e la terrò nel mio studio, sinchè altra originale me ne pervenga : poichè nella raccolta delle medaglie moderne non sono sì scrupoloso, nè sì dilicato, come in quella delle antiche, dove per niun riguardo ne voglio alcuna, che non sia indubitata e sicura. Se il Pescennio in bronzo mezzano, di cui vi ha parlato il P. Colombo, è quello che qui fu portato, e mostratomi dal Sig. Angelo Pappadato, se pur non erro nel cognome, e che in qualità di Segretario venne col. Sig. Conte Leopoldo Tassis ; è sicuramente legittimo, anche a giudizio dell’Antiquario di S. M. ma per altro così sconservato, e guasto, che questo Signore mi assicurò che non lo apprezzava più di 4 doppie, benchè il possessore ne dimandasse più di un centinajo. Io ne presi nota, quando l’ebbi sotto l’occhio. Da una parte vi è la testa di Pescennio laureata ; e dall’altra una Vittoria in corso, tenente colla destra una corona di alloro, e colla sinistra un ramuscello di palma, e dalla leggenda si ha, che ella era battuta in Cesarea Germanica, o sia Cesarea di Palestina, giusta l’Arduino. KAICAPEIAC ΓERMANIKHC. Queste notizie serviranno ad assicurarvi, se quella del P. Colombo sia la da me già veduta. Se la Matidia in oro, che ha il Sig. Bernardini, è antica, sicura, e ben conservata, non avrei difficoltà di spendere fino a 15. ungheri per acquistar la medesima. Ella sarebbe singolare, non essendosene veduta alcuna con la testa di Matidia, e col sacrificio di Vesta ricco di otto figure nel rovescio : ed essendo tale, stupisco come il N. U. Tiepolo se la lasci scappar di mano. Ma il fatto si è, che senza vederla io la credo assolutamente falsa, e l’altrui relazione non assicurata dalla mia propria inspezione non basterebbe a persuadermi ch’ella sia vera : tanto lo stimo difficile per la sua singolarità. Eccovi sinceramente il mio sentimento. Egli è mio costume su le medaglie uniche dubitar molto, e creder poco : e ’l fatto si è, che rade volte m’inganno" (Zeno 1752, vol. 2, lettre n° 240, p. 477-478; Zeno 1785, vol. 4, lettre n° 713, p. 185-186; Tomassoni 2021).

References

  1. ^  Zeno, Apostolo (1752), M. Forcellini (ed.), Lettere di Apostolo Zeno, Cittadino Veneziano, Istorico e Poeta Cesareo, prima edizione, 3 volumi, Venice.
  2. ^  Zeno, Apostolo. 1785. Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo nelle quali si contengono molte notizie attenenti all’istoria letteraria de’ suoi tempi, e si ragiona di libri, d’iscrizioni, di medaglie, e d’ogni genere d’erudita antichità. Seconda edizione in cui le lettere già stampate si emendano, e molte inedite se ne pubblicano [edited by Jacopo Morelli]. 6 vols. Venice: Francesco Sansoni.
  3. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.