Apostolo Zeno - Angelo Maria Quirini - 1726-3-30

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Angelo Maria Quirini - 1726-3-30
FINA IDUnique ID of the page  6785
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Angelo Maria Quirini
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 30, 1726
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Vienna 48° 12' 30.06" N, 16° 22' 21.00" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Jacob Spon, Jean Hardouin
LiteratureReference to literature. Zeno 1752, lettre n° 213, p. 420-4211, Zeno 1785, Lett. 680, p. 102-1032, Tomassoni 2021, p. 45, note 113, p. 57, note 1653
KeywordNumismatic Keywords  collection numbers, roman provincial, exchange, duplicates, mytilene, cephalonia, corinth, caracalla, rarity, corcyra, nero, ottavia, sabina
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 30 mars 1726 (de Vienne) : « Mi figuro poi, ch’ella in coteste parti trovandosi, non lasterà di stare in ricerca, e di fare acquisto di medaglie antiche, le quali presentemente fanno anche la mia estrema passione, avendone già una raccolta di più di 5000 fra le quali ne conto le greche oltre a 600 e non poche di battute in colonie romane. Se a lei ne avanzasse alcuna per averla duplicata, la prego di ricordarsi di me, che potrò concambiargliela o con altra mia duplicata, o con libro di suo piacere. Di quelle di Cefalonia, che sono assai rare, sarei bramoso di averne alcuna. In Mitilene una ne fu battuta con la testa di Nausicaa figliuolo di Alcinoo, il disegno della quale ci diè lo Sponio (Spon) ne’ suoi viaggi, e ne fa menzione anche l’Arduino fra quelle di Mitilene. La zecca di Cointo continuò a batter monete fino ai tempi di Caracalla, e alcune di queste sono rarissime, massimamente quelle di Cesare, di M. Antonio, di Livia, di Agrippa, di Caio, e Lucio Cesari, dei due Drusi Cesari, di Germanico, delle due Agrippine, di Ottavia moglie di Nerone, e di Sabina di Adriano ; ma quando queste e altre, sì di Corinto, che di Corfù, sono di prima grandezza, sono di un’estrema rarità. « (Zeno 1752, lettre n° 213, p. 420-421; Zeno 1785, Lett. 680, p. 102-103; Tomassoni 2021, p. 45, note 113, p. 57, note 165).

References

  1. ^  Zeno, Apostolo (1752), Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo. II, Venice.
  2. ^  Zeno, Apostolo. 1785. Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo nelle quali si contengono molte notizie attenenti all’istoria letteraria de’ suoi tempi, e si ragiona di libri, d’iscrizioni, di medaglie, e d’ogni genere d’erudita antichità. Seconda edizione in cui le lettere già stampate si emendano, e molte inedite se ne pubblicano [edited by Jacopo Morelli]. 6 vols. Venice: Francesco Sansoni.
  3. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.