Apostolo Zeno - Gian Domenico Bertoli - 1732-3-15

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Gian Domenico Bertoli - 1732-3-15
FINA IDUnique ID of the page  10872
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Gian Domenico Bertoli
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 15, 1732
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Anselmo Maria Banduri
LiteratureReference to literature. Banduri 17111, Zeno 1785, vol. IV, Lett. 780, pp. 329-3302, Tomassoni 2021, p. 156-157, note 5343
KeywordNumismatic Keywords  greek, roman, domitia, coin price, theodosius, julian the apostate, medaglions, caracalla
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 15 mars 1732 (de Venise): “L’altra sera nella bottega di Carlo Buonarrigo librajo ho avuto il contento di riverire il Sig. Canonico Fabbretti, e di ricever da lui la lettera di V.S. Illma, e insieme i due pacchettini, l’uno con le due medagliette d’oro, e l’altro con le 12. medaglie di bronzo, parte Latine, e parte Greche, tra le quali la Domizia, che è la migliore delle altre. Per le due d’oro ho sul fatto medesimo contate al detto Sig. Canonico le l. 70. giusta il prezzo convenuto fra noi, e secondo la sua commissione. Le ho trovate di buona conservazione, e quella di Teodosio II. è entrata nella mia serie, dove mancava a riguardo del rovescio, non notato nell’opera del Banduri, e solo con la stessa leggenda riportato da lui fra le medaglie in oro di Giuliano l’Apostata. Per le altre dodici, che sono del Sig. Canonico Alugara, al quale mi confesso obbligato per la confidenza, che ha avuta in me col farmele tenere, io ne farò volentieri l’acquisto, quando venga a sapere qual prezzo me ne domandi: che essendo onesto, mi troverà onestissimo compratore. Debbo solo avvisare V. S. Illma, che fuori della Domizia, non vi ha altra medaglia di molta considerazione meritevole; e ‘l medaglione di Caracalla, che per altro sarebbe pregiabile, è così logoro, e sconservato, dall’una parte e dall’altra, che nulla dell’epigrafe vi si legge, onde non si sa nemmeno la città, dove esso è battuto: e però in uno Studio, che sia scelto, non fa molto bella comparsa. Attenderò pertanto la sua risposta, tenendo in questo mentre a parte le dette medaglie” (Zeno 1785, vol. IV, Lett. 780, pp. 329-330; Tomassoni 2021, p. 156-157, note 534).

References

  1. ^  Banduri, Anselmo (1711), Imperium orientale sive antiquitates constantinopolitae, Jean-Baptiste Coignard. Paris.
  2. ^  Zeno, Apostolo. 1785. Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo nelle quali si contengono molte notizie attenenti all’istoria letteraria de’ suoi tempi, e si ragiona di libri, d’iscrizioni, di medaglie, e d’ogni genere d’erudita antichità. Seconda edizione in cui le lettere già stampate si emendano, e molte inedite se ne pubblicano [edited by Jacopo Morelli]. 6 vols. Venice: Francesco Sansoni.
  3. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.