Apostolo Zeno - Gian Francesco Baldini - 1731-3-24

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Gian Francesco Baldini - 1731-3-24
FINA IDUnique ID of the page  10813
InstitutionName of Institution. Venice, Biblioteca Nazionale Marciana
InventoryInventory number. Ms. IT X 3 (=6949)
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Gian Francesco Baldini
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 24, 1731
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Anselmo Maria Banduri, Johann Albert Fabricius
LiteratureReference to literature. Banduri 17191, Zeno 1785, vol. 4, lettre n° 766, p. 3022, Tomassoni 20213
KeywordNumismatic Keywords  unpublished book, nationalism, engraved plates, engraving price, book price, book production
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia https://www.nuovabibliotecamanoscritta.it/Generale/ricerca/AnteprimaManoscritto.html?codiceMan=37269&tipoRicerca=A&urlSearch=pagCorrente%3D2.0%26segnatura%3D%26codBiblioteca%3D52%26titolo%3D%26 checkbox autografi%3Dtrue%26 checkbox musicali%3Dtrue%26responsabilita%3D%26parola%3D%26anticasegnatura%3D%26 checkbox palinsesto%3Dtrue%26tipo corpo codice%3D%26 checkbox carteggio%3Dtrue%26 checkbox decorati%3Dtrue%26tipo parola%3DA%26 checkbox immagini%3Dtrue%26tipoRicerca%3DA%26 checkbox datati%3Dtrue%26nome%3DApostolo+Zeno%26explicit%3D%26linguaMan%3D0%26 checkbox composito%3Dtrue%26 checkbox restauro%3Dtrue%26 checkbox astampa%3Dtrue%26incipit%3D%26argomento%3D%26data da%3D%26data a%3D%26language%3Dit%26ordinaDatazione%3Dfalse%26ordineInverso%3Dfalse&codice=&codiceDigital=
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 24 mars 1731 (de Venise): “Dal Sig. Proccurator Marcello, che ancora è in Villa, m'è venuta risposta, diversa in tutto da quello ch'io m'aspettava. Egli si è pentito della risoluzione che aveva presa. Non ha coraggio di spedire a Roma i suoi medaglioni, non tanto per diffidenza di alterazione, quanto per incertezza di vendita. Ritorna alla prima proposizione, che di costì venga persona perita a visitarli, e si contenterà, che se ne faccia la scelta a piacimento, quando non si vogliano tutti. Sicchè io veggo l'affare arenato, quando lo sperava, se non concluso, almeno ben avanzato. Tanto con mio dispiacere avanzo a V. P. Rma, la quale è da me pregata di parlarne per me al Sig. Cardinale Albani, facendogli a mio nome divotissima riverenza" ; "Un'amico mio mi ha comunicato il Catalogo delle XIV. medaglie d'oro, che qui annesso le invio. Sono conservatissime, e ruspe ; e credo che sien del numero di quelle, parecchi anni sono, trovate nel Modanese. Pesano più di 30. Zecchini. Egli desidererebbe di saperne il giusto valore, poichè vorrebbe esitarle. Mi sarà caro aver da lei una tale informazione. Il librajo è molto contento, che ci siamo convenuti intorno all’ordine da tenersi alla stampa del Thesaurus Numism. Mi fa premura, perchè si venga alle strette : cioè a dire, che si stenda la formula del Manifesto da comunicare ai letterati. (…) Col Manifesto credo che sarà bene il dar fuori il piano tutto dell’Opera, e la lista degli autori che dovranno avervi luogo. Si limiterà la grossezza d’ogni tomo a 160. o 180. fogli per ciascuno, computandovi le tavole in rame, ognuna delle quali suol valutarsi dagli stampatori a ragione di un foglio e mezzo. Il prezzo di ogni tomo sarà di ….. per gli associati, in carta grande, bianca, e della migliore consistenza : vantaggio che non si farà ai non associati, chiuso che sia il numero di 300. Il pagamento del primo tomo si farà anticipatamente, così quello del secondo, terzo, ec. giusta l’uso. Se allo stampatore saranno comunicate opere inedite, dissertazioni ec. sopra la materia numismatica, e queste sieno degne della pubblica luce, non si risparmierà spesa, acciocchè gli autori se ne trovino ben serviti. L’opere Latine, Italiane, e Francesi saranno impresse nella lingua in cui furono scritte : le Spagnuole, le Inglesi, o s’altra ve ne sia in lingua meno usata universalmente in Europa, saranno da persone abili traslatate nella latina. Finisco col dirle, che a mio giudicio a tutta l’opera sarà bene premettere la Bibliotheca Nummaria del P. Banduri, accresciuta dal Fabbricio, della quale la provvederò in occasione del mio ritorno a Vienna, e illustrata con nuove e sue, e mie osservazioni” (Zeno 1785, vol. 4, lettre n° 766, p. 302; Tomassoni 2021).

References

  1. ^  Banduri, A. (1719), Bibliotheca nummaria sive auctorum qui de re nummaria scripserunt, Hamburg, Apud C. Liebezeit and T.C. Felginer
  2. ^  Zeno, Apostolo. 1785. Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo nelle quali si contengono molte notizie attenenti all’istoria letteraria de’ suoi tempi, e si ragiona di libri, d’iscrizioni, di medaglie, e d’ogni genere d’erudita antichità. Seconda edizione in cui le lettere già stampate si emendano, e molte inedite se ne pubblicano [edited by Jacopo Morelli]. 6 vols. Venice: Francesco Sansoni.
  3. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.