Apostolo Zeno - Pier Antonio Filippini - 1747-5-20

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Pier Antonio Filippini - 1747-5-20
FINA IDUnique ID of the page  10835
InstitutionName of Institution. Florence, Biblioteca Medicea Laurenziana
InventoryInventory number. Ms. 1788, Lett. 1235, c. 480r
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Pier Antonio Filippini
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . May 20, 1747
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Gian Giuseppe Moscheni
LiteratureReference to literature. Tomassoni 2021, p. 190-191.1
KeywordNumismatic Keywords  collection sale, collection price, health, collection numbers
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 20 mai 1747 (de Venise) : « La lettera di VS. Illma in data dei 13. del corrente mi ha riempito di stupore, e di confusione. Veggo dal tenor di essa sempre più difficoltarsi e tirarsi in lungo l’esecuzione del già convenuto. Il sig. Moscheni non ha lettere, e non ha il soldo necessario, né poco né molto, al pagamento del Museo, e mi si cambian le carte in mano. Mi era stato assicurato lo sborso attuale nel punto della consegna di esso, di 18 mila fiorini, con la riserva dei rimanenti due mila in ottobre. Adesso mi si vuole allungare fino all’ottobre il pagamento non tanto dei due mila fiorini, quanto anche quello dei dieciotto mila. Orsù usciamo una volta da questo impiccio e fastidio. Parlo chiaro e sincero. Non sono in istato di aspettar ottobre. L’età mia avanzata di settantanove anni, i continui mali ed incomodi, l’estrema debolezza in cui mi ritrovo e che di giorno in giorno mi rende sensibile, non mi danno speranza di lunga vita. Le dico pertanto chiaramente, che se dentro il mese di Giugno non ricevo il pattuito danaro dei dieciotto mila fiorini con la riserva degli altri due mila intendo che sia sciolto e nullo onninamente il contratto. Dal canto mio ogni cosa è in ordine. Tutte le medaglie del Museo, cresciute al numero non più di 10520. come era l’obbligo mio, ma di 10770. sono ad una incartate, e messe in ordine a classe per classe in quindici mazzi ognuno de’ quali contiene più o meno ruotoli, sigillati col mio sigillo, e strettissimamente legati » (Florence, BmLFA, Ms. 1788, Lett. 1235, c. 480r; Tomassoni 2021, p. 190-191).

References

  1. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.