Apostolo Zeno - Pier Caterino Zeno - 1727-8-23

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Pier Caterino Zeno - 1727-8-23
FINA IDUnique ID of the page  6855
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Pier Caterino Zeno
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . August 23, 1727
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Vienna 48° 12' 30.06" N, 16° 22' 21.00" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Johann Georg Graevius, Jakob Gronovius
LiteratureReference to literature. Graevius 16971, Gronovius 16972, Zeno 1752, lettre n° 246, p. 487-4883
KeywordNumismatic Keywords  museo certosino, connoisseurship, forgeries, hadrian, matidia, plotina, marciana, pertinax, aelius, library, book price
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 23 août 1727 (de Vienne) : « Si continua la revisione del Museo Certosino, alla quale non son mai intervenuto, per le ragioni già addottevi. Questa è la seconda volta che si ripiglia per mano ; e acciochè possiate in parte conoscere la malignità, e l’ignoranza di chi ne fa esame e giudicio, vi dirò, che molte di quelle che la prima volta eran passate per buone, adesso vengon rigettate per false ; e moltissime poi, e principalmente delle più stimate e famose, che prima eran tenute per false, ora non qualificate per ottime. Fra queste il medaglione di Adriano col tempio Divae Matidiae Socrui ; la Plotina, e la Marciana in gran bronzo, il Pertinace greco della stessa grandezza, il medaglione di Elio cesare, e parecchie altre uniche e insigni, presentemente sono principale ornamento del Museo, miracoli dell’arte ; e già pochi giorni erano sporchissimi getti, lavoro di moderni falsari. Or che ne dite ? Non si lascia di metterne a parte ben molte, le quali si manderanno a Roma, come vi scrissi. In fine, verdemo chi rimarrà con la testa rotta, e con infamia e vergogna » ; « Se il vostro religioso, che desidera impiegare i 500 ducati in qualche bella e grand’opera da donare alla libreria, può avere il Thesaurus antiquitatum Rom. & Graec. del Grevio, e del Gronovio in 25 vol. Con la giunta dei tre del Salengre, e coi due vol. del Lessico del Pitisco, impiegherà molto bene la detta somma. Quest’opera si va facendo di giorno in giorno assai rara, nè andrà molto, che il prezzo ne crescerà a dismisura. Nell’ultime auzioni fatte in Ollanda è stata venduta fino a 800 e più fiorini di quella moneta. Non potendosi avere la stessa, anteponga l’Acta Sanctorum al Thesaurus Historiarum Italiae dal Vander Aa, perchè di questo vi sarà modo di provverdesi più facilmente, che dell’altro, di cui pure scarseggiano gli esemplari, massimamente per cagione dei primi mesi » (Zeno 1752, lettre n° 246, p. 487-488).

References

  1. ^  Graevius, Johann Georg (1697), Thesaurus græcarum antiquitatum. Volumen Primum, Petrus, Balduinus & Hildebrandus Van der Aa, Leiden.
  2. ^  Gronovius, Jakob (1697), Thesaurus Graecarum antiquitatum, I, van der Aa, Leiden.
  3. ^  Zeno, A. (1752), Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo. II, Venice.