Apostolo Zeno - Pier Caterino Zeno - 1727-8-9

From Fina Wiki


Apostolo Zeno - Pier Caterino Zeno - 1727-8-9
FINA IDUnique ID of the page  6854
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Apostolo Zeno
RecipientRecipient of the correspondence. Pier Caterino Zeno
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . August 9, 1727
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Vienna 48° 12' 30.06" N, 16° 22' 21.00" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Gian Domenico Bertoli, Pius Nikolaus Garelli, Karl VI von Habsburg, Álvaro Cienfuegos, Giovanni Vignoli, Francesco Bianchini, Jean Hardouin, Giambattista Panagia
LiteratureReference to literature. Zeno 1752, lettre n° 245, p. 4851, Zeno 1785, Lett. 721, p. 2042, Tomassoni 2021, p. 57, note 164, p. 59-60, note 1753
KeywordNumismatic Keywords  museo certosino, book, collection classification, forgeries, connoisseurship, catalogue
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 9 août 1727 (de Vienne) : « Dall’amico Bertoli ho ricevute due copie del libro dei medaglioni gia nel Museo Certosino : l’una è per voi, al quale egli ne fa un cortese dono. Martedi dal Panagia, dal Garelli, e da altri dell’anno passato, sotto la presidenza dell’Eccmo Sig. Camerier Maggiore Conte di Cobentzel, si è cominciata la revisione del Museo Certosino, alla presenza del Sig. Bertoli ; ma io non ho voluto intervennirvi, benchè ne avessi per mezzo di S. E. il commando sovrano ; e me ne sono destramente scusato appresso di S. M. col debito del lavoro dell’Opera, e quella ristrettezza del tempo, che ho per finirla. La ragione addotta è stata approvata : ma molto più la taciuta ; e vi assicuro, che questa mia risoluzione, presa non tanto da me, quanto col parere de’ miei padroni e buoni amici, ha partorito un ottimo effetto. Se io ci fossi intervenuto, mille contrasti nefarebbon seguiti : perchè i due primi nominati di sopra giudicano la verità delle medaglie con la loro passione, non col loro sentimento. Ne rigettano le più belle, come false e sospette, quando si sa che in Roma vedute ed esaminate da più accreditati antiquari, non solo di quella città, ma di tutta Europa, per il corso di 40 e più anni, non hanno inctontrate dubbiezze e difficoltà. Il Panagia però, che maneggia la cabbala, non ha voluto che elleno sien sengante nel catalogo, oppure riposte a parte dall’altre, asserendo di volerle prima meglio oservare e considerare. Il fatto è, che il Bertoli col mio consiglio, di che pure non ho mancato di prevenire tanto S. M. quanto il Caemerier Maggiore, non le lascerà a disposizione del Panagia, se prima o l’una o l’altra di queste due sia stabilita : l’una, che l’antiquario attesti che tutte son buone e legittime, aggiugnendo di aver ritrovati tutti i pezzi espressi nel catalogo ; l’altr, che quelle che saranno trovate false o sospette, sieno messe in una scattola ben sigillata, e inviate a Roma al Sig. Cardinale Cienfeugos : acciocchè primieramente faccia riverdele dal P. Proccurator Generale del PP. Certosini, e riconoscerle, se sono veramente le stesse, che erano in quel museo, e al Bertoli consegnate ; e poi acciocchè riconosciute per esse, S. E.m. le faccia visitar di nuovo da’ Monsigg. Bianchini, Vignoli, ed altri dotti e periti uomini, i quali abbiano a darci sopra il lor positivo giudicio, che approvi o confuti i dubbi del Panagia, il quale con ciò verebbe a rendersi ridicolo più di quello che è, a tutta Roma. Queste due diligenze sono assolutamente necessarie : la prima per la riputazione dell’amico, e l’altr per il decoro del Museo Cesareo, dal quale si dee escludere qualunque cosa sia falsa o sospetta. So che avete piacere d’intendere ogni cosa, che riguarda questo affare, e però mi son volute stendervi sopra, iccome farò per tutto quello che andrà succedendo. Io me ne sto in pace; ascolto, e me ne sto dissimulando, non però in guise che trascuri cosa alcuna, ove possa giovare all’amico, e alla verità. Non so se il P. Alfani mi manderà una copia del suo giudiccione : ma in ongi caso ne proccurerò altronde per mezzo vostro » ; « La spiegazione vostra della inscrizione DEO GAVTE PAT è a mio credere più ingegnosa che vera. Seguitando di questo passo, si dirà che siete della scuola dell’Arduino » (Zeno 1752, lettre n° 245, p. 485; Zeno 1785, Lett. 721, p. 204; Tomassoni 2021, p. 57, note 164, p. 59-60, note 175).

References

  1. ^  Zeno, Apostolo (1752), Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo. II, Venice.
  2. ^  Zeno, Apostolo. 1785. Lettere di Apostolo Zeno cittadino veneziano istorico e poeta cesareo nelle quali si contengono molte notizie attenenti all’istoria letteraria de’ suoi tempi, e si ragiona di libri, d’iscrizioni, di medaglie, e d’ogni genere d’erudita antichità. Seconda edizione in cui le lettere già stampate si emendano, e molte inedite se ne pubblicano [edited by Jacopo Morelli]. 6 vols. Venice: Francesco Sansoni.
  3. ^  Tomassoni, Roberto (2021), La collezione numismatica di Apostolo Zeno, PhD, Venice.