Camillo Silvestri - Michelangelo Zorzi - 1718-3-5

From Fina Wiki


Camillo Silvestri - Michelangelo Zorzi - 1718-3-5
FINA IDUnique ID of the page  7436
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Camillo Silvestri
RecipientRecipient of the correspondence. Michelangelo Zorzi
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 5, 1718
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rovigo 45° 4' 1.78" N, 11° 47' 19.10" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Charles Patin, Francesco Mezzabarba Birago
LiteratureReference to literature. Patin 16721, Mezzabarba Birago 16832, Zorzi 1726, p. 200-2093
KeywordNumismatic Keywords  roman, augustus, divus, consecratio, iconography, roman provincial, book
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia https://books.google.be/books?id=F49BAAAAcAAJ&pg=PA207&dq=mezzabarba+medaglie+lettere&hl=fr&sa=X&ved=0ahUKEwiAk4eY5uLoAhWF6qQKHYqoDk8Q6AEINjAB#v=onepage&q=mezzabarba%20medaglie%20lettere&f=false
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 5 mars 1718 (de Rovigo): « Non m'è, ignoto, che varie furono le opinioni degli Antiquari intorno al titolo di DIVVS, che sovente s'incontra dato all'Imp. Augusto nelle medaglie; credendo altri, poter elleno essere state battute (quello non ostante) mentr'egli era vivente, ed altri reputandole coniate dopo la sua morte, quando già per la Cosacrazione era stato, secondo la credenza degli antichi gentili, divinizzato. Per tralasciar però di raccorre quasito circa questo punto si sono dati a credere molti altri sponitori di medaglie, mi restringerò a considerare i ſentimenti di due più recenti, ed accreditati, quali furono il Patino, e il Mezzabarba. Il primo nel suo libro intitolato Thesaurus Numismatum, pag. 138, spiegando la medaglia con la testa radiata d'Augusto, e lettere DAVVS AVGVSTVS PATER da una parte, e dall'altra con un'Ara, da cui si vede germogliata una Palma, con lettere C. V. T.T. (cioè Colonia Victrix Togata Tarraco, così ci avvertisce. Observanda venit Inscriptio Nummi, que non tantum Augusto, sed Deo Augusto dicata est, Augustus enim vivus a populis, ut Deus habebatur. Templa habuit, Aras, Flamines, Sacrificia, cetera, que consecrationem indicabant. Ed infatti nel mio Bassorilievo, in cui è sccolpito Augusto sedente con M. Artorio suo medico in atto di toccargli il polso, leggonsi le parole Greche significanti Marcum Artorium Asclepiadem Dei Cesaris Augusti medicum S. P. Q. Smyrnerum honoravit heroem Polymathie gratia. Il Mezzabarba all'incontro, che con tanta distinzione, ha raccolte le medaglie di ciaschedun Imperatore, sotto gli anni, ne quali ponno supporsi battute, arrivato all'anno di Roma 767, e dell'Epoca vulgare 14, in cui a 19 d'Agsto morì l'Imp. Augusto, fa quest annotazione, valendosi in gran parte delle parole: del Rosini, dove tratta della consacrazione... Romanis mos: erat ab Augusto primum institutus, deinde a Tiberio instauratus, eos consecrare Imperatores, qui superstitibus filiis vel successoribus moriebantur, quique erant eo honore affecti inter Divos relati dicebantur. Sic primus omnium Augustus Julium Cesarem, Tiberius Augustum mortuos consecrarunt, interque Divos retulerunt. Consecrationis ceremonias, 3 ritus fusè a Panvinio descriptasi leges lib. 2. Comment. Fast. ad A. C. C. 964. Dopo la qual nota: va poi quel diligente scrittore, disponendo le medaglie di detto Imp. nelle quali dalla parte della Testa, leggesi alcuna delle seguenti. Iscrizioni, cioè AVGVSTO DEO, DEO AVGVSTO, DIVO AVGVSTO. DIVVS AVGVSTVS PATER, DIVVS AVGVSTVS, DIVVS AVGVSTVS PATER PATRIAE, ovvero CONSECRATIO, col sottoporre a ciascheduna di dette Iscrizioni tutti i rovesci ad esse corrispondenti, e fra quelli, che unisce al capo dell Imperatore con Epigrafe DIVVS AVGVSTVS PATER vi pone anche quello IOVI DEO, Templum Patin. Ind. f 2, adunque egli ha preteso, che la medaglia portata dall'amico di V.S. Illust. in opposizione alla massima, che il titolo DIVVS supponga consagrato l'Imp. a cui si attribuisce, sia stata coniata dopo la morte di Augusto, e non già lui vivente. Se così è, si sarà dunque ingannato il Patino, quando nell'opera intitolata Imperatorum Romanorum Numismata ex eremedie (3 minime forme, pag. 31. spiegando il contenuto di detta medaglia credette, significarsi quello fatto codtruir dall'Imperatore Augusto, in onore di Giove Tonante liberatus periculo, cum expeditione Cantabrica per nocturnum iter lecticam eius si perstrinxit, servumque prelucentem exanimasset, come riferisce Suet. in Aug. n. 29. la qual interpretazione ammessa, bisognerebbe dire, che la medaglia fosse battuta in vita di quel Monarca, quantunque vi sia egli DIVVS appellato. Mi perdoni pertanto l'illustre memoria del citato Patino, io non sono persuaſo, che il Tempio espresso nella medaglia, di cui discorriamo, significhi il fabbricato da Augusto in onore di Giove Tonante anzi sono per provare il contrario con la fede incontrastabile delle Medaglie. Frà le mie d'argento, e specialmente fra quelle d'Augusto, che tengo con molti rovesci, quattro ne sono tutte coniate in vita di quell'Imperatore, in ciascheduna delle quali si vede un Tempio dedicato a differente Nume, e di struttura differente dagli altri. Nella prima si legge nel Frido del Tempio, con quattro colonne, DIVO IVL. Nella seconda di quà, e di là dal Tempio, ch'è di figura rotonda AAAR. VLT. Nella terza, il cui Tempio costa di sei colonne IOV OLIM. Nella quarta finalmente, che fa al nostro proposito IO TO?N E questo Tempio, eretto a Giove Tonante, è totalmente diverso dall'apparente, nella medaglia addotta dal Patino, non solo nell'Iscrizione, ma nella struttura, costando quello di sole quattro colonne, con la porta chiusa, e questo della mia medaglia d'argento, che sicuramente rappresenta il dedicato a Giove Tonante, perche l'Iscrizione IO VI TON. il dimostra, è figurato con quattro colonne per parte della Porta, dove si vede il simolacro di Giove con l'asta in mano. Ma che Tempio sarà dunque cotesto della Medaglia del Patino, con cui si faceva tanta opposizione alla mia massima? Un Tempio appunto eretto ad Auguſto stesso, già con la Consacrazione divinizzato, e venerato, come il Giove de Romani, e per ciò a lui dedicato col titolo IOVI DEO, come fu col titolo di Giove Indigete Romolo pure adorato; così unendosi con tutta proprietà alla figura del Tempio la denominazione di DIVO per dinotarsi con ambedue questi aggiunti la Consacrazione d'Augusto. Che in quanto all'asserzione del suo amico, cioè che fosse coniata la riferita medaglia in congiuntura d'essersi attribuito il nome di Padre della Patria ad Augusto, perche così egli dalla parte della Testa vien appellato, basta il dire per confutarla, come V.S. Illust. ottimamente rispose, che se fosse vera, la maggior parte delle Medaglie di quell'Imperatore si dovrebbono dir battute in quella congiuntura, giacchè tante e tante se ne trovano con tale Iscrizione di PATER PATRIE ; ma con differenti rovesci, e con l'epiteto di DIVVS, e senza, e perciò coniate in tempi, e occasioni diversissime. Per quello poi concerne il Tempio, o sia Ara posta in vece di Tempio nella Medaglia appresso il Patino, certa cosa è, che si dee prendere per uno di quelli permessi da Augusto fabbricarsi in suo onore per le Provincie dell'Imperio, col far sene la dedicazione unitamente ROM ET. AVG. così asicurandoci Svet. nella Vita di quel Monarca n. 52. con le seguenti parole. "sciret etiam Proconsulibus decerni solere: in nulla tamen provincia, nisi comuni suo Romedue nomine recepit nam in Urbe quidem pertinacissime abstinuit hoc honore », e come io mi do a credere, che dall'adulazione de Provinciali, e particolarmente de' Greci, non siasi in ogni tempo, e luogo osservata questa modesta prescrizione d'Augusto, ta pr g 5 ma che anzi in progresso siano stati al vivente Imperatore singolarmente costrutti Altari, e Tempi, così io non, mi posso persuadere, che sotto i propri occhiabbia giammai Augusto lasciata correr una tale licenza, onde in Roma stessa con pubblici monumenti d'Are, di Tempi, d'Iscrizioni, e di Medaglie venisse coltivato qual Nume, e contrassegnato col superbo titolo di DIVVS, e perciò reputo più verisimile l'opinione del Mezzabarba, che tutte le monete Romane d'Augusto, nelle quali vien chiamato DIVVS siano state battute già morto e consagrato quel Principe. Colla qual, distinzione del praticatosi in Roma da quanto si usò nelle Provincie potrebbono conciliarsi i pareri di questi due grand'uomini, dicendo, aver anche il Patino inteso degli onori fatti ad Augusto da Provinciali, quando nel suo Tesoro lasciò scritto: Augustus enim vivus a populis ut Deus colehatur. Templa habuit, Aras &c. quasi dicesse a populis Provinciarum, modificando egli pure la spiegazione della medaglia portata nella sua grand'opera, pag. 52, in cui apparisce un Tempio con side stinati al sagrifizio, dicendo: Eospectant & agnus, (3 vitulus iuxta Templum Auguſto dicatum, in primo nummo, sive Templum illud Rome constructum fuerit, ſsive (si noti). Nolanum intelligitur. Nole enim domus, in qua decessit Augustus in Templum mutata est, inquit Dio. La intendesse però il Patino come si voglia, a me basta d'eser assistito dal sentimento del Mezzabarba, il quale ha collocata la medaglia, creduta dstruttiva della mia massima fra le coniate dopo seguita la Consagrazione d'Augusto, e che il Tempio in essa apparente nulla abbia che fare col dedicato da Augusto a Giove Tonante, come conghiettura il Patino, e molto meno, ch'ella sia stata battuta nella congiuntura d'essersi dato all'Imperatore il nome di Padre della Patria, come vuole il suo contradditore, in ambedue i quali casi certo che bisognerebbe dire, essersi Auguſto chiamato DIVVS, benche vivente, nelle medaglie pure Romane, quale questa apparisce e Resta, ch'io mi levi alcune obbiezioni, che, forse da qualche scrupoloſo potrebbon farsi alla mia supposizione di non essersi in Roma dedicati Tempi ad Augusto vivente. Sia la prima il leggersi appresso Ses. Rufo nella Regione del Foro Romano Templum Divi Augusti, la seconda dal vedersi fra le medaglie di Antonino Pio quella col rovescio d'un bellissimo Tempio coll'iscrizione… Di V.S. Illust. Di Rovigo li 5 Marzo 1718. » (Zorzi 1726, p. 200-209).

References

  1. ^  Patin, Charles (1672), Thesaurus numismatum, e musaeo Caroli Patini, Paris
  2. ^  Mezzabarba Birago, Francesco (1683). Imperatorum romanorum numismata a Pompeio magno ad Heraclium ab Adolfo Occo ne olim congesta, nunc augustorum iconibus, perpetuis historico / Chronologicis notis, plubribusque additamentis illustrata, et aucta. Mediolani: Ex Typographia Ludovici Montiae.
  3. ^  Zorzi, Michelangelo (1726), Lettere erudite scritte a diversi suoi amici dal sig. K.M.A.Z., Padua.