Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1680-11-16

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1680-11-16
FINA IDUnique ID of the page  6623
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . November 16, 1680
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Cesare Leopardi, Gian Domenico Tiepolo, Jacopo Tiepolo Podestà
LiteratureReference to literature. Noris 16811, Mezzabarba Birago 16832, Noris 1741, lettre XXIX, col. 863
KeywordNumismatic Keywords  book, book price, book print run, typography, errors, pavia, roman, spain, roman provincial, augustus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 16 novembre 1680 (de Florence): “A stampa del mio libro camina a sei facciate al giorno; onde oggi ne a verò trenta fogli stampati. Non è però per finirsi che nel principio di Quaresima, per le 14. seste del ottimo Dicembre. Li Baglioni sono ricchi assai, e sono tre fratelli che a gara la tirano su il sottile. Non ho potuto fare con essi che un contratto dispendioso; poicchè io gli ho dati 2 1o. scudi Romani, ed essi daranno a me 200 essemplari. Gli altri che a loro rimaranno non li verrano a costare due giuli l’uno; nè hanno voluto arrivare al numero di 500 come in Firenze m’avevano promesso. Io ho solo due vantaggi; Uno che la carta è di Salò, e costa 17 giuli la risma; l’altro che ho lettere maiuscole di varie sorti quante ne voglio, perchè loro le gettano continuamente. Deve V. S. Ill a ciò, come le scrissi, attendere collo Stampatore, che scieglierà, poichè le iscrizioni si devono formare con tali caratteri, che devono essere o tali, o poco maggiori, di quelli che si vedono nell’Occone. Deve in oltre fare la stampa, ove ella di persona possa fare le correzioni, poi chè più volte lasciano le parole, e fanno errori gravi e molti. In alcune facciate io correggo ſino 36. errori. Non so se ella vorrà stare sì longo tempo in Pavia, quando colà si risolva stampare. Se l’autore non è presente, la ſtampa riesce scorrettissima; perchè altri non intendono le materie. Con l’occasione che rispondevo al Signor Leopardi, ch’è la più nobile famiglia d'Osimo, li motivai la stampa da lei preparata. Mi dicono abbia molte medaglie; ma non so quali siano. Gia ho finita la stampa, ove tratto della Col. Tradotta. Mi scrive quà il P. Catani che la medaglia della Col. Elia segnata col Lucius Caesar, sia d’uno delli due figli d'Augusto. Io gli ho replicato, che la famiglia Elia mai fondò colonie nella Spagna prima d’Adriano, del, di cui figlio addottivo è quella medaglia, e che ciò stimo certissimo. Aspetto dall’Eccell. Signor Tiepolo Podestà di Verona un disegno d’una medaglie dei miei Cesari. Ella lo riverisca a mio nome: è Cav. che si fa grand’onore ne’governi » (Noris 1741, lettre XXIX, col. 86).

References

  1. ^  Noris, Enrico (1681), Cenotaphia Pisana Caii et Lucii Cæsarum dissertationibus illustrata, Venice.
  2. ^  Mezzabarba Birago, Francesco (1683). Imperatorum romanorum numismata a Pompeio magno ad Heraclium ab Adolfo Occo ne olim congesta, nunc augustorum iconibus, perpetuis historico / Chronologicis notis, plubribusque additamentis illustrata, et aucta. Mediolani: Ex Typographia Ludovici Montiae.
  3. ^  Noris, Enrico (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.