Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-12-23

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-12-23
FINA IDUnique ID of the page  8572
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . December 23, 1681
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Jean Foy-Vaillant, Ferdinando Cospi, Cosimo III de' Medici, Giuseppe Magnavacca, Adolf Occo, Raffaele Fabretti, Giovanni Pietro Bellori
LiteratureReference to literature. Occo 15791, Foy-Vaillant 16742, Noris 16763, Legati 16774, Bellori 16795, Noris 1741, lettre LIX, col. 186-1936
KeywordNumismatic Keywords  roman, adlocutio, trajan, dacia, medici, congiarii, antoninus pius
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 23 décembre 1681 (de Florence) : « Ma per le medaglie col Profectio Germ. (forsi è allocutio ad milites Praetoriano, qui erant Romae Legat. Dio). e con l'allocuzione a i soldati sotto il Cos. III. si può dire che nell'Autuno avvanzato, o pure terminato gionti in Roma gli avvisi delle scorrerie, ed apparati militari di Decebalo. » ; « Consideri la detta iscrizione e 'l testo di Sparziano ad dotti, e poscia giudichi. La medaglia del Vaillant, ella la corregge a suo modo, io credo che deva leggersi: TR. P. VII. IMP. IIII. COS. IIII DES. V. è confermasi ciò con la Cospiana, e Magnavacca, dalle quali V.S. deve correggere i fasti, che poscia meglio si confronteranno con le dette medaglie, e con la cronologia delle guerre Daciche, ottimamente distesa da Sparziano, e così anderà meglio il titolo DACICUS col Cos. IIII. della medaglia d'argento Medicea con l'Ercole con la clava ec. La medaglia fra le Arescotane alla Tavola 34. num. 23. con Trajano COS. IIII. nelle quadrighe trionfali, non significa il di lui trionfo, ma il processo consulare che fece in Roma cos. IIII. ed è prova evidente lo scetro con l'aquila nella cima, ch'era la insegna de i consoli quando Kal. Jan. prendevano il possesso del consolato, come mostro io dissert. I de nummo Diocletiani, nel quale vedesi tale scetro. Nella Quadriga del trionfo nella medaglia Medicea Trajano tiene la palma, o lauro ec. In oltre ella non riflette ai due congiari II. e III, che le inviai nelle medaglie Medicee, dalle quali si cava che nel ritorno II. e III. diede i congiari al P. Rom. come aveva fatto nel primo. E quei congiarj II. e III. sono segnati col Cos. V. Sicchè Trajano ne venne a Roma anno 101. ne trionfò anno 101, perchè il congiario II. si deve unire o col secondo ritorno a Roma, o pure col primo trionfo Dacico, che poco dopo fu fatto. » ; « Da ciò ancora si può dire che Adriano anno 101 fu Questore semestre, e poi curator Actorum Senatus, e nell'anno 102. andò alla prima guerra Dacica, che certamente principiò in detto anno 102. quando si tiri il cosi V. di Trajano all'anno 104. il che si deve fare, se la medaglia del Sig. Magnavacca sia da lei giudicata legittima, del che vivo con gran curiosità ec. perchè sarà cosa rarissima per i fasti, e perchè veggo che così meglio si connette la cronologia delle 2. guerre Daciche assegnata da Sparziano, con la pietra di Pozzuolo ec. e con la medaglia Medicea, e Cospiana p. 355. num. 4. Imp. Caes. Nerva. Trajan. Aug. GERM. P. M. T. R. P. VI. IMP. IIII. COS. IIII. DES. V. P. P. S. C. mulier sedens destera ramum, sinistra hastam tenens. La medaglia Medicea è legittima, e per l'antichità ha logorato il ramo nella destra della donna sedente, e si legge: IMP. IIII. coll'essere logorati mezzi li primi numeri, e dopo il DES..... il V. è perduto. è certo chè fu battuta dopo l'Ottobre anno 102. per la TR. P. VI. ne ivi leggendosi DACICUS, bisogna tirare nell'anno 103. la venuta di Trajano a Roma col di lui trionfo, e dire che la detta medaglia fu segnata nello stesso anno 103. per esservi Cos. DES. V. il che non si legge nella pietra di Pozzuolo, ma solo Cos. IIII IMP. II. onde fu scolpita overso il fine dell'anno 102. o avanti le battaglie fatte, e vinte contro Daciannoro. Del resto ella facci come vuole, perchè pochi si pigliano questi fastidi cronologici. Ora lei per l'Occone, ed il Sig. Abbate Fabretti per la sua colonna Trajana vi pensano, e Dio sa quando più altri vi pensarà. Finisco col dire, che non facci partire da Roma sì presto Trajano nell'Armenia, come fanno molti, ma prima gli facci fare l'esequie a Licinio Sura cos. III. come narrasi nell'epitome di Dione. Ed in questa ultima partenza da Roma di Trajano molti hanno errato, facendolo in Asia nell'anno 107. e ciò per il martirio di S. Ignazio, che da Trajano fu mandato a Roma legato ec. Le auguro felici le feste del Natale, e le ristampo la moneta d'Antonino Pio. A. N. con tuttº i commenti del Sig. Bellorio e le bacio le mani. Firenze 23. Decembre 1681 » (Noris 1741, lettre LIX, col. 186-193).

References

  1. ^  Occo, Adolf (1579). Imperatorum Romanorum numismata a Pompeio Magno ad Heraclium: quibus insuper additae sunt inscriptiones quaedam veteres, arcus triumphales, et alia ad hanc rem necessaria. Antwerp: Christophe Plantin.
  2. ^  Foy-Vaillant, Jean (1674), Numismata imperatorum romanorum præstantiora, a Julio Cæsar ad Postumum et Tyrannos. Per Ionnen Vaillant, bellovacensem, doct(orem) med(icum) & Regium antiquarium, à Paris, chez Ninville et Villery, 2 vol., I. Bronze. II. Or et argent.
  3. ^  Enrico Noris (1676), Duplex dissertatio de duobus nummis Diocletiani et Licinii ex cimelijs sereniss. ac reuerendiss. principis Leopoldi cardinalis Medicei, Patavii (Padua).
  4. ^  Legati, Lorenzo (1677), Mvseo Cospiano annesso a quello del famoso Vlisse Aldrovandi e donato alla sua patria dall'illustrissimo signor Ferdinando Cospi, Bologna.
  5. ^  Bellori, Giovanni Pietro (1679), Scelta de' medaglioni più rari nella biblioteca dell'eminentissimo Gasparo Carpegna vicario di nostro Signore, Rome.
  6. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.