Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1682-5-12

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1682-5-12
FINA IDUnique ID of the page  8575
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . May 12, 1682
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Nicolo Bon, Cosimo III de' Medici
LiteratureReference to literature. Mezzabarba Birago 16831, Noris 1741, lettre LXV, col. 206-2072
KeywordNumismatic Keywords  book production, book corrections, addenda, medals, roman, honorius, egypt, collection numbers, livorno
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 12 mai 1682 (de Florence) : « Godo sommamente che proseguisca con felicità e sollecitudine la stampa del suo insigne volume, ch'è da tutti desiderato per le correzioni ed aggionte che V. S. Ill. gli aggiugne. Ella teme va che la guerra le intorbidasse la stampa; ma le cose sono almeno per quest'anno in caminate alla pace » ; « Ora S A S. prima d'andare in Villa mi mandò una cassa piena di medaglie dei i tre ultimi secoli, cioè dal 1440. fino al presente anno. Le medaglie e monete d'oro pesano circa 24 libre, e sono de'Papi, Impp. Regi, e Principi, come anco quelle d'argento. Li medaglioni del Re Carlo II dell'Inghilterra sono le più belle. Ve ne sono 7. medaglioni dell'Elettore di Brandemburgo con le imprese fatte avanti la pace del 1679 contro li Suetesi. Le medaglie di tutti li Sforzeschi Duchi già di cotesto stato vi sono in oro, argento, e metallo. Io non vederò più sì preziosa raccolta. Erano tutte confuse. Fra quelle di mettalo, ne ho trovato una sola antica d'Onorio Imp. quale è prima magnitudinis ed ivi vi si legge: D. N. Honorius P. F. Aug. Caput ejusdem diademate gemmato coronatum, SAPIENTIA. Mulier stolata dextera florem, sinistra hastam tenens. Io la stimo rara per essere di tale grandezza. Non v'è apertura alcuna che S. A. S. sia per chiamare il Sig. Dottor Bon, come già a queto istesso ho scritto; ne so come gli sia venuta tale speranza nel capo. Ora S. A. spende sopra 200. mila piastre nelle nuove fortificazioni di Livorno, ne vuole entrare in altre spese, anzi ne va scemando delle ordinarie meno necessarie. Gli sono state inviate dall'Egitto 300. medaglie, che ora sono nel Lazzaretto di Livorno, e S. A. mi ha detto che me le manderà per vederle, e se vi sarà cosa rara, ella ne sarà avvisata. La prego continuarmi l'onore della sua grazia e le bacio le mani. Firenze 12. Maggio 1682 ». (Noris 1741, lettre LXV, col. 206-207).

References

  1. ^  Mezzabarba Birago, Francesco (1683). Imperatorum romanorum numismata a Pompeio magno ad Heraclium ab Adolfo Occo ne olim congesta, nunc augustorum iconibus, perpetuis historico / Chronologicis notis, plubribusque additamentis illustrata, et aucta. Mediolani: Ex Typographia Ludovici Montiae.
  2. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.