Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1684-1-25

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1684-1-25
FINA IDUnique ID of the page  8976
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . January 25, 1684
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Antoine Pagi, Jean Tristan de Saint-Amant, Giovanni Pietro Bellori, Ezechiel Spanheim, Cosimo III de' Medici, Abraham Ortelius
LiteratureReference to literature. Tristan de Saint-Amant 16351, Pagi 16822, Mezzabarba Birago 16833, Noris 1741, lettre XCIV, col. 247)4
KeywordNumismatic Keywords  roman republican, errors, vatican, librarian, medici, book corrections
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 25 janvier 1684 (de Florence) : « Ho goduto che le sia gionta l'epistola Consolare, dalla quale ella averà veduto la necessità che vi era di correggere i fasti del Panvinio, il che però come Veronese ed Agostiniano ho fatto con molto scrupolo, e l'ho palesato nel proemio. Il P. Pagi è mio amico, e come tale l'ho trattato. Io sono di parere, ch'egli non rifletesse a i Consolati, che abdicabant gl'Imperatori prima dei giorni delle solennità, per le quali esso s'immagina prendessero il consolato. Io sono ostinato nell'antica opinione, che li prendessero a capriccio, senza osservare regola alcuna, e credo che pochi siano per aderire alle regole del P. Pagi, che sono sottili ed erudite speculative, ma practice sono false, e fallaci. » ; « La prego mandarmi la copia d'una medaglia che porta il Tristano con ΥPKANΩN, perch'ella vedrà l'errore che lui con gli altri ha preso, e riderà nel vederlo corretto. » ; «Io non ho intratura col Sig. Bellorio, poichè quando ho voluto qualche descrizione di medaglie, ne ho scritto all'Eminentissimo Azzolino, che me le ha impetrate dalla Regina, la quale mi ha scritto due volte, e pregò il Papa per farmi Custode della Vaticana; ma io non accettai l'offerta, e credo che S. M. sia per ciò meco sdegnata, ne ardirei chiederle altro. Lei potrebbe cavare dallo Spanemio le medaglie delle città che non sono nel Museo Mediceo, che così non averebbe scrupolo il Sig. Bellori inviarcele perfettamente descritte. Se poscia ella me le communicarà, le rimandarò con le note, le quali per essere fatte perfettamente, bisogna ricorrere all'erudizione Ecclesiastica, la quale è ma,ncara a molti Geografi, e l'Ortelio ne fu a pena infarinato; e del tutto n'è ignorante il Pinedo, e pure da essa vengono lumi in tanta copia, come nelle mie note ella vede. Ella si degni mandarmi ſubito l'indice de' nomi delle città che nell'Occone sono a lei ignote, perchè tentarò rinvenire qualche notizia, quando elleno non siano finte, e cavate o supplite a medaglie corrose. La prego continuarmi la sua grazia, e le bacio con riverente ossequio le manié » (Noris 1741, lettre XCIV, col. 247-250).

References

  1. ^  Tristan de Saint-Amant, Jean (1635), Commentaires historiques contenants en abrégé les vies, éloges et censures des empereurs, impératrices, caesars et tyrans de l'empire romain, jusqu'à Pertinax et diverses observations sur les noms, familles & naissances, chez Pierre Billaine, Paris
  2. ^  Pagi, Antoine (1682), Dissertatio Hypatica, seu de consulibus Caesaris, ex occasione inscriptionis Forojuliensis Aureliani Augusti, Lyon, Anisson.
  3. ^  Mezzabarba Birago, Francesco (1683). Imperatorum romanorum numismata a Pompeio magno ad Heraclium ab Adolfo Occo ne olim congesta, nunc augustorum iconibus, perpetuis historico / Chronologicis notis, plubribusque additamentis illustrata, et aucta. Mediolani: Ex Typographia Ludovici Montiae.
  4. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.