Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1685-11-13

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1685-11-13
FINA IDUnique ID of the page  11000
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . November 13, 1685
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Jean Hardouin, Cesare Baronio, Jean Foy-Vaillant, Charles Patin
LiteratureReference to literature. Hardouin 16841, Rigord 16892, Noris 1741, lettre CIII, col. 261-2623
KeywordNumismatic Keywords  roman provincial, laodiceia, antioch, seleucids, eras, quarrel, faustina, shape of letters, agrippa, caracalla, roman
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 13 novembre 1685 (de Florence) : « Ora io ho un dubbio circa l’epoca dei Laodiceni nel numero che pone l’Arduino pag. 285. nella penultima medaglia di Domiziano BNP. anno CLII. perchè io stimo tale moneta doversi il vere Laodiceae ad mare, lontana d'Antiochia 54 miglia, non Laodicea ad Libano, lontana dalla medema Antiochia miglia 151. Quindi di due epoche la prego se sa rittrovarsi nelle medaglie, cioè, Laodicensium, 6 Tyriorum, perchè in questa de Tiri ho fatto gran studio e corrego il Baronio, e gli altri collettori de Concili. Ma tale epoca non l’ho sin’ora veduta nelle medaglie di Tiro, ma la sola Seleucidarum. Circa la medaglia alla pagina sudetta: ΙΟΥΛΙEΩN TΩN KAI ΛAΔIKEΩN, dubito non s’intendino Julienses & Laodice ni nell'Asia minore, benchè non vi sia la parola OMONOIA. Se bene da congierture mostro che Laodicea ad mare si chiamasse Giulia. Questo è quanto mi occorre al presente. In tanto che dice V. S. Ill. di quella gran spanpanata che fa l'Arduino nel fine della terza facciata della sua prefazione col dire, che l'avere letti i libri degli altri Antiquari non gli è servito per imparare, ma per solo correggere i loro errori? Hanno ragione quelli essere sdegnati. è passato per quà un dotto Inglese, che ha detto come uno scolare del Vaillant ora scrive contro il sudetto Arduino, quale è troppo temerario contro il Patino. Io per la mia parte le ho revisto bene il pelo. e le bacio le mani. Firenze 6. Novembre 1685. Questa lettera rimase in dietro, e tarda otto giorni a partire. Le soggiongo che ho vedute nel Museo di S. A. due medaglie mezzane di Faustina juniore, ove si legge ΦΑNEAC ec. e la seconda lettera è stretta, senza la lineeta che rende il A un alfa, ove la lettera A in ambedue le medaglie spicca benissimo, e ha largo il spazio nella parte inferiore. Io non le scrissi che d'una di Caracalla, se non erro. Jeri S. A. S. mi comandò che copiassi tutte le medaglie d'Agrippa richiestele da uno che in Francia stampa le medaglie Herodiadum. Questo ancora cerca le segnate. ETΟΥC NEOΥ IEPOΥ, ma qui non le trovo. Firenze 13. Novembre » (Noris 1741, lettre CIII, col. 261-262).

References

  1. ^  Hardouin, Jean (1684), Nummi antiqui populorum et urbium illustrati, François Muguet. Paris.
  2. ^  Rigord, Jean-Pierre (1689), Dissertation historique sur une médaille d'Hérodes Antipas, Marseille.
  3. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.