Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1686-1-1

From Fina Wiki


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1686-1-1
FINA IDUnique ID of the page  11007
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . January 1, 1686
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Leopoldo de' Medici, Cosimo III de' Medici, Jean Foy-Vaillant, Jean Hardouin, Denis Petau, Joseph Juste Scaliger
LiteratureReference to literature. Hardouin 16841, Noris 16912, Noris 1741, lettre CX, col. 2733
KeywordNumismatic Keywords  roman provincial, antioch, syria, silanus, coin cabinet (medici), coin cabinet (managing), eras, arados, tyre, book production, coin casts, aemilianus, julianus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 1 janvier 1686 (de Florence) : « Sono quasi rimasto affogato dalla cortesia di V. S. Ill. che mi ha trasmesse tante medaglie d'Antiochia. Quella EΠI ΣIΛANOΥ ΔM è quì doppia, cioe frasquelle antiche di S. A. e altra fra le 6 mila del Sig. Cardinale Leopoldo. Io ho prega to S. A. potere vedere quei scrigni dei fu Cardinale, che stanno nelle camere interiori dell'A.S. ed erano 7 anni che non si erano aperti, e si durava fatica tirare fuora le cassette, o tavolette. Ivi vi ho trovato una medaglia del medemo Silano Cretico Preside della Siria. Questi fu Preside nel fine del Imperio d'Augusto, e nel principio di Tiberio, a cui fu sostituito Cn. Pisone ex Tacito lib. 2. Annal. Quindi la lettera superiore A significa il primo anno di Tiberio, ch'è improntato nel diritto della medaglia, e EM, anno 45. come abbiamo qui altre di Silano stesso con TM, e ΔM. Gran cose voglio cavare da queste medaglie. Io non so come la lettera A si possa altrimente spiegare. Circa l'epoca degli Aradj, il Padre Arduino dubito che s'inganni, perchè quella Medicea di Trajano chiaramente porta Aot. Ne ho anco scritto a Monsù Vaillant, perchè col confronto solo di molte si può rinvenire la verità. La prego con suo comodo dell'epoca de' Tiri nelle medaglie ove di loro si legge MHTPOΠOΛEΩC, e avverta se l'ultima lettera ſia C o pure Σ, perchè la prima dicono che non era usata avanti Domiziano, del che però non sono certo. Spero che fra 3. mesi averò terminato il libro de Annis Syro-Macedonum, ove porrò in chiaro molte cose non penetrate dallo Scaligero e Petavio, e correggerò gravi errore del Padre Arduino, fra quali a nostro proposito vi sarà quello della pag. 51. linea 3. ANTIOXEIΣ ΣK mentre nella medaglia di S. A conservatissima si legge ZK. Del resto ora ch'è applicata a studi legali, non perda tempo nel darmi presto risposta, ma ciò facci con suo maggiori comodo. Si sono mandati a Monsù Vaillant gl'impronti di due medaglie d'oro di S. A. S. cioè d'Emiliano, e di Giuliano riranno ucciso da Carino, con altra d'oro di Massenzio, che ha quattro figure nel rovescio » (Noris 1741, lettre CX, col. 273).

References

  1. ^  Hardouin, Jean (1684), Nummi antiqui populorum et urbium illustrati, François Muguet. Paris.
  2. ^  Noris, Enrico (1691), Annus et epochae syromacedonum: expositae in vetustis urbium Syriae nummis praesertim Mediceis expositae, Florence
  3. ^  Noris, Enrico (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.