Francesco de' Ficoroni - Antonio Francesco Gori - 1736-4-21

From Fina Wiki


Francesco de' Ficoroni - Antonio Francesco Gori - 1736-4-21
FINA IDUnique ID of the page  5198
InstitutionName of Institution. Florence, Biblioteca Marucelliana
InventoryInventory number. BVII 11, f° 13r et v
AuthorAuthor of the document. Francesco de' Ficoroni
RecipientRecipient of the correspondence. Antonio Francesco Gori
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . April 21, 1736
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 41.28" N, 12° 29' 7.22" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Michel Dervieux, Filippo Antonio Gualtieri, Filippo Barazzi, Liborio Caglieri, Joseph Emanuel Fischer von Erlach
LiteratureReference to literature.
KeywordNumismatic Keywords  price, roman, augustus, macrinus, diadumenianus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 21 avril 1736 (de Rome): “Sta bene secondo la sua cortesis.a che retirasse il rametto colle due bagattellerie, ed in quanto al primo se ne servi a suo maggior commodo, e gradirà il mio divoto genio. Godo sentire, che il Sig.r Fischer, soggetto dotto, e degno, e che riv.o umil.te sia nella sua conoscenza, e giusto per di lui ricerca scrissi al Sig.r Caglieri, se aveva delle teste rare in medaglie di fattura del defonto Michele Dervieux. Mi richiese i prezzi di medaglie Imperiali d’ogni metallo e secondo la mia poca prattica gli le notai. Il più buono che prendesse fu una bella medaglia mezzana di Augusto colle teste di Caio, e Lucio Cesari, ed in grande un Macrino, e Diadumeniano da me datogli a prezzo onesto. Circa alli scarabei, quasi tutti erano della raccolta del fu Em.mo Gualtieri e che gli furono procurati da diversi, da chi gli aveva; Se me ne capitaranno, secondo il suo bel genio, ne resterà servita. Questo Sig.r Filippo Barazzi mercante spese circa a tremila scudi dall’Eredità Gualtieri, e da lui a diversi furon rivenduti li scarabei suddetti.” (Firenze, Biblioteca Marucelliana, BVII 11, f° 13r et v – online).