Gabriele Lancillotto Castelli - Ignazio Paternò Castello - 1770-3-13

From Fina Wiki


Gabriele Lancillotto Castelli - Ignazio Paternò Castello - 1770-3-13
FINA IDUnique ID of the page  7529
InstitutionName of Institution. Catania, Archivio di Stato
InventoryInventory number. Archivio Paternò Castello principi di Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 14-15
AuthorAuthor of the document. Gabriele Lancillotto Castelli
RecipientRecipient of the correspondence. Ignazio Paternò Castello
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 13, 1770
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Palermo 38° 6' 40.43" N, 13° 21' 8.78" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature. Paruta - Agostini 17231, Castelli 17702, Muscolino 2015, lettre 2, p. 83
KeywordNumismatic Keywords  greek, sicily, drawing, catana
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 13 mars 1770 (de Palerme) : « Portando primieram(en)te all’E(ccellenza) V(ostra) i miej più vivi ringraziamenti p(er) la bontà colla quale si compiace accogliere le mie preghiere, sono poi a dirgli che qualora mi favorisce de disegni delle medaglie Siciliane inedite che sono in cod(est)a si compiaccia farli lavorare non nella eguale grandezza di ogni medaglia come in prima l’avevo pregato; poiche avendo di ciò fatta la esperienza vedo che riesce molto difficile specialm(en)te nelle medaglie picciole; ma faccia farne i disegni in quella grandezza come stanno nell’Avercampio; notandosi soltanto la grandezza di ogni una colle misure proposte dallo Avercampio alla pagina ultima del secondo Tomo (60). Mi farà V(ostra) E(ccellenza) grazia singolare quando possa proccurarmi la richiestale medaglia di Catania; jo di essa ne tengo la quasi consimile di cuj qui acchiudo a V(ostra) E(ccellenza) il disegno (61); l’altra però ch’jo cerco ha qualche differen[14v]za. Con questa occasione le acchiudo anche altro disegno della bellissima medaglia di Catania collo scritto AMENANOS nome del fiume Giudicello questa e veram(en)te singolare jo ho avuta la sorte di acquistarla bella, e ben conservata; se mai tal medaglia in cod(est)a vi fosse priego V(ostra) E(ccellenza) a confrontarla p(er) sapermi dire se fosse corsa con qualche altra diversità (62). Io rassegno a V(ostra) E(ccellenza) tutta la pienezza del mio ossequio, e rispettosamente mi soscrivo. Dell’E(ccellenza) V(ostra) Pal(er)mo 13. Marzo 1770. [in questo punto è incollato un ritaglio con le incisioni delle due monete menzionate nella lettera] (63) (Catania, Archivio di Stato, Archivio Paternò Castello principi di Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 14-15; Muscolino 2015, lettre 2, p. 8).

RemarksRemarks regarding the annotation. (fr)

59 ASCT, Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 14-15; regesto in GRASSO - IOZZIA 2003, p. 156, n. 2. 60 PARUTA 1723, II, pagina non numerata tra l’Index omnium titulorum tabularum numismaticarum e le tavole. 61 Vd. infra. 62 Le due monete sono edite, rispettivamente, in TORREMUZZA 1770, pp. 258-259, tav. I, n. 15 e pp. 259-260, tav. I, n. 16; da questa tavola è tratto il ritaglio incollato a c. 14v. Per monete di Katane con questa legenda vd. HOOVER 2012, p. 170, nn. 607 (tetras o trionkion di bronzo) e 608 (onkia di bronzo). 63 Vd. nota precedente. (fr)

References

  1. ^  Paruta, filippo and Leonardo Agostini (1723), Sicilia numismatica, nunc primum additis Huberti Goltzii aliorumque Siciliae descriptione, et in numismata simgula explicationibus; ingenti numero tabularum, edita sparsim
  2. ^  Castelli, Gabriele Lancillotto (1770), Alla Sicilia numismatica di Filippo Paruta pubblicata da Sigeberto Avercampio. Correzioni ed aggiuntedi Gabriele Lancillotto Castello Principe di Torremuzza palermitano," Opuscoli di Autori Siciliani, 11, p. 202-286, pl. I-II.
  3. ^  Muscolino, Francesco (2015), "Il principe di Biscari e il principe di Torremuzza, «i due Dioscuri della passione antiquaria settecentesca»", LANX, 21, p. 1‐40.