Gabriele Lancillotto Castelli - Ignazio Paternò Castello - 1779-6-22

From Fina Wiki


Gabriele Lancillotto Castelli - Ignazio Paternò Castello - 1779-6-22
FINA IDUnique ID of the page  7530
InstitutionName of Institution. Catania, Archivio di Stato
InventoryInventory number. Archivio Paternò Castello principi di Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 165-166
AuthorAuthor of the document. Gabriele Lancillotto Castelli
RecipientRecipient of the correspondence. Ignazio Paternò Castello
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . June 22, 1779
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Palermo 38° 6' 40.43" N, 13° 21' 8.78" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature. Castelli 17811, Castelli 17892, Muscolino 2015, lettre 6, p. 113
KeywordNumismatic Keywords  book, sicily, greek, book production
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 22 juin 1779 (de Palerme) : « Amico, e P(adro)ne riv(eritissi)mo Avrete gia avuto il reale dispaccio coll’approvazione del Piano proposto per le antichità delle Valli di Demone, e Noto (84); collo assegnam(en)to di oncie quattrocento all’anno; per impiegarsi ne ripari di c(ode)ste, soldi di architetto e per farsi i disegni, e quadri di veduta di ognuna delle antichità sud(dett)e = Io ho avuto il mio coll’ordine di formarne eguale Piano per le antichità della Valle di Mazara e coll’assegno di oncie duecento all’anno per tale destino. Ho gia formato la relaz(ion)e seu Piano sul piede della vostra, e partirà col venturo Procaccio85. Ho fatto la mia consulta al Tri(buna)le del Patrim(oni)o per pagare ed assentare le (once) 200 all’anno, ma incontro difficoltà che voglion pagarle ad annualità posposta [165v] vedremo come riesce. Ho fissato l’Architetto D(o)n Carlo Chenchi per le stesse ragioni per le quali da voi fu fissato per le vostre due Valli; ho pigliato di prima mira le antichità di Segesta e già l’Ingegniere e Pittore son pronti alla partenza subito che il Tribunale pagherà denaro. Al sud(dett)o Architetto non ho stabilito il soldo ma ci siamo rimessi a quello che farete voi; vale a dire jo per una valle gli darò la metà di quello fisserete voj per due. Taleche vorrej sentire su di cio quello che avrete stabilito o sarete per stabilire; e cio che ancora farete per il Pittore. Vorrej anche sapere i quadri sudetti di qual misura farete farli, per essere uniformi. Già saprete che venne l’ordine di stamparsi nella erigenda di nuovo reale stamparia l’opera della raccolta delle medaglie di Sicilia (86) su della quale sto lavorando, e posso dire essere gia compita; si attendono ora le disposiz(io)ni per tale regia stamparia consul[166r]tate gia dalla Dep(utazio)ne delli Studj, e quando vengano la prima cosa che si stamperà sarà l’opera sud(dett)a. Io vi protesto i miej ossequj vi priego di riveriti comandi, e mi soscrivo Palermo 22. Giugno 1779. » (Catania, Archivio di Stato, Archivio Paternò Castello principi di Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 165-166; Muscolino 2015, lettre 6, p. 11).

RemarksRemarks regarding the annotation. (fr)

83 ASCT, Biscari, busta 1644.3 [1104 bis/P] [1053/*], cc. 165-166; regesto in GRASSO - IOZZIA 2003, p. 158, n. 8. 84 Il dispaccio reale di approvazione del Plano di Biscari è del 15 maggio 1779; il biglietto con cui il viceré comunica a Biscari tale approvazione è del 26 maggio 1779 (PAGNANO 2001, pp. 243-244); vd. anche lettera n. 7. 85 Un dispaccio reale del 15 maggio 1779 invita Torremuzza a regolarsi come Biscari per la redazione del suo Plano; il Plano di Biscari è inviato come modello a Torremuzza con dispaccio reale del 26 maggio 1779; il Plano di Torremuzza, concluso il 3 luglio, è inviato il 15 luglio, ricevuto a Napoli il 4 agosto e approvato il 14 agosto (PAGNANO 2001, pp. 243-244); l’approvazione è comunicata a Torremuzza con biglietto viceregio del 27 agosto, cui il principe risponde il 4 settembre (GIUFFRIDA 1984, pp. 29-30, doc. 8). 86 TORREMUZZA 1781; sulla stampa di questo volume si veda il carteggio in GIUFFRIDA 1984, pp. 20-22, doc. 2 (26 ottobre 1778); pp. 26-27, doc. 5 (30 gennaio 1779); pp. 27-28, doc. 6 (19 luglio 1779); pp. 28-29, doc. 7 (14 agosto 1779); pp. 33-35, doc. 11 (25 febbraio 1780); pp. 38-39, doc. 13 (6 ottobre 1780); p. 40, doc. 14 (25 luglio 1781); pp. 40-41, doc. 15 (28 luglio 1781); sulla stampa di TORREMUZZA 1789, vd. GIUFFRIDA 1984, pp. 81-82, docc. 49-50 (7 marzo 1789). (fr)

References

  1. ^  Castelli, Gabriele Lancillotto (1781), Siciliae populorum et urbium regum quoque et tyrannorum veteres nummi saracenorum epocham antecedentes, Palermo.
  2. ^  Castelli, Gabriele Lancillotto (1789), Ad Siciliae populorum et urbium regum quoque et tyrannorum veteres nummi saracenorum epocham antecedentes auctarium primum, Palermo.
  3. ^  Muscolino, Francesco (2015), "Il principe di Biscari e il principe di Torremuzza, «i due Dioscuri della passione antiquaria settecentesca»", LANX, 21, p. 1‐40.