Matteo Egizio - Antonio Francesco Gori - 1735-7-19

From Fina Wiki


Matteo Egizio - Antonio Francesco Gori - 1735-7-19
FINA IDUnique ID of the page  4662
InstitutionName of Institution. Florence, Biblioteca Marucelliana
InventoryInventory number. BVII, 10, f° 15r-16r
AuthorAuthor of the document. Matteo Egizio
RecipientRecipient of the correspondence. Antonio Francesco Gori
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . July 19, 1735
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Naples 40° 50' 9.35" N, 14° 14' 55.61" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature.
KeywordNumismatic Keywords  oscan, italy, draftsman, greek
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 19 juillet 1735 (de Napoli): “Pur tardi adempisco la promessa de’ disegni delle medaglie osche. Quel giovane, che disegnò le due già mandate a V.S. Ill.ma, è negligente, ed imperito in cose simili. Non mi piaceano i tratti delle medaglie di Hyvina, benchè le lettere stiano a lor luogo, come vedrà nella carta picciola: onde mi raccomandai a un altro, che le disegnò colle rimanenti [...] (come si pretende) le quali si veggono nella carta più grande. Nella 1 e 3 è visibile la testa di Diana colla faretra. Nella 4° forse Cerere velata. Nella 5° intonsus Apollo. Nella 2° e 6° ed 8° il capo di Ercole. Quel poco di scancellato che vede appie delle figure de’ [c. 15v] rovesci della 6 e della 8 è di mano mia: perché il disegnatore aveva ommesso quella porzion di ruota, che è a sinistra de’ piedi de’ cavalli, e non avea notato un poco di cocchio sul quale posa la figura. In questa parte le medaglie sono mal conce; ma non credo che farebbe errore che suplisse con qualche picciol tratto, rappresentante la destra vuota. Vi abbisognerebbe un pittore versato nell’antichità o un antiquario buon disegnatore. Il Sig. Can Venuti ha questo pregio.” (Firenze, Biblioteca Marucelliana, BVII, 10, f° 15r-16r – online).