Ottavio Bocchi - Annibale degli Abati Olivieri - 1737-3-29

From Fina Wiki


Ottavio Bocchi - Annibale degli Abati Olivieri - 1737-3-29
FINA IDUnique ID of the page  4510
InstitutionName of Institution. Pesaro, Biblioteca Oliveriana
InventoryInventory number. Ms. Oliv. 345 n. 325
AuthorAuthor of the document. Ottavio Bocchi
RecipientRecipient of the correspondence. Annibale degli Abati Olivieri
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 29, 1737
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Onorio Arrigoni
LiteratureReference to literature. Arrigoni 17411, Ravara Montebelli 2011, p. 331, note 10.2
KeywordNumismatic Keywords  book, engraving, price, bookseller
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 29 mars 1737 (de Venise): "Dopo tre volte che sono stato alla casa del S.r Abb.e Arigoni che sta lontana dalla mia più assai di un miglio, e che mai ho avuto la sorte di trovarlo ora fuori in campagna, ora essendo per la lett.a egli finalmente è giunto da me ieri et avendomi con esso abboccato nel prop.o che VS. Ill.ma ha comandato, senza però nominarle la di lei persona, le dirò quello che ho rilevato dallo stesso, se pure saprò farlo, mentre questo Signore parla tanto confuso, quanto lo è tanto nel pensare. Ho però rilevato che a quest’ora ha fatti intagliare gli assi tutti che devono contenersi nel p.o tomo, giacché la sua opera come egli dice deve esser composta di due tomi ; mi soggiunse anco aver in questi intagli fatto la spesa di S. 4000 e più veneziane, e non dissentire da un progetto che le viene fatto da uno de nostri libraij et deve prender lui l’impegno di quest’opera. Li ho dimandato se vi sono sopra d’assi illustrazioni e note, e mi ha risposto ora che vuole stampare e pubblicare i soli disegni, et ora che vuole rivedere ciò che d.o lui ha portato già da tempo forse per risolversi di stampar anco qualche nota, del secondo tomo mi dice, che presto può ponerlo all’ordine ; avendo già pronta tutta la materia e piuttosto in abbondanza [...], senza porvi una raccolta di tutte le cose etrusche ch’egli ha, ma io concludo a V.S. Ill.ma che di tutte queste cose staremo assai a vederne una sola perchè il temperam.to di q.o soggetto è di non finir mai cos’alcuna ; per altro non può negarsi che egli non abbia raccolta grande e di cose preziose et non sia anco prattico assai di maneggiare queste sue monete, assi o altra cosa simile consistendo in q.o il più importante punto del suo raguardevole museo. Uno di q.i giorni devo esser con esso lui in casa sua, e proverò di ricavar meglio sul fatto la cosa, e ne ragguaglierò V.S. Ill.ma del tutto qual poi mi soministra. [...]" (Pesaro, Biblioteca Oliveriana, Ms. Oliv. 345 n. 325; Ravara Montebelli 2011, p. 331, note ).

References

  1. ^  Arrigoni, Onorio (1741), Numismata quaedam cuiuscumque formae et metalli Musaei Honorii Arigoni Veneti ad usum juventutis rei nummariae studiosae. apud Eusebium Bergamum, Treviso (Tarvisii).
  2. ^  Ravara Montebelli, Cristina (2011), "Le tavole del primo tomo dell'opera di Onorio Arrigoni emendate dall'autore", Rivista Italiana di Numismatica, 112, p. 327-338.