The FINA wiki is currently being maintained. You can safely read all content, but please don't edit anything here!

Annibale Caro - Pietro Vettori - 1538-3-23

From Fina Wiki
Revision as of 16:19, 2 January 2022 by Tomassoni (talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Annibale Caro - Pietro Vettori - 1538-3-23
FINA IDUnique ID of the page  7759
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Annibale Caro
RecipientRecipient of the correspondence. Pietro Vettori
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 23, 1538 JL
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 35.95" N, 12° 28' 58.55" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature. Caro 1725 vol. 1, lettre n° 18, p. 231, Castellani 1907, p. 316-3172
KeywordNumismatic Keywords  book, egypt, caesar, pontifex maximus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 23 mars 1538 (de Rome, à Florence): "Il Libro non s'è ancor veduto, nè manco il vetturale che lo portò; essendo costì, rinvenitelo voi. L'interpretazione della medaglia, che si desiderava dal Maffeo, è questa: Che gli Egizzj, volendo significare un'uomo d'alti pensieri, e volto alla contemplazione delle cose celesti, facevano un'Elefante col grugno rivolto in suso; e volendo significar la prudenza nelle cose del mondo, figuravano un Serpente: e questo è il significato del dritto, per dinotare lo spirito, e la sagacità di Cesare; e credo che la medaglia fosse coniata quando egli fu Pontefice Massimo: e per questo nel rovescio sono le quattro insegne pontificie, ed augurali, ma sono sì mal ritratte, che appena si possono conoscere. Quella di mezzo è la secure, o 'I malleo, o la secespita, che se la chiamassero, con che ammazzavano le vittime. Quello che pare un pesce polpo, è l'albogalero. Quella che simiglia a una sferza, è l’aspersorio: e quell’altro, a uso di scomberello, è l’haustorio" (Caro 1725a, lettre n° 18, p. 23; Castellani 1907, p. 316-317).

References

  1. ^  Caro, Annibale (1725), Delle lettere familiari del commendatore Annibal Caro, volume primo. Edizione corretta ed illustrata, come può vedersi nella seguente Prefazione a' Lettori, presso Giuseppe Comino, Padua.
  2. ^  Castellani, Giuseppe (1907), "Annibal Caro numismatico", Rivista Italiana di Numismatica, 20, fasc. 2, p. 311-331