Difference between revisions of "Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-1-4"

From Fina Wiki
 
Line 9: Line 9:
 
|Numismatic keyword=collection numbers; roman; roman provincial; corrosion; caligula; nicaea; book production; errors; typography; medallions
 
|Numismatic keyword=collection numbers; roman; roman provincial; corrosion; caligula; nicaea; book production; errors; typography; medallions
 
|CorrespondenceLanguage=Italian
 
|CorrespondenceLanguage=Italian
|Grand document=-Lettre du 4 jan. 1681 (de Venise) : sur la collection de Francesco Boncompagni « Quì ho veduto lo scrigno dell’Eccell Signor Pietro Morosini, ove fra le altre cose vi sono 120, in circa medaglioni, ed il Signor Dottor Bon n’è il direttore. Ivi ne ho trovata una Greca di Cajo, benchè per essere corrosse in parte le lettere, si possa dubitare se sia di Caligola. Nel dirito porta l’effigie d’Augusto coll'iscrizione. ΙΚΑΙΩΝ cioè Nicaeensium, vi è qual. che vestigio d’un Θ, che direbbe Geog. Nel roverscio si legge ΓΑΙΟΣ ΣΕΒΑΣΤ... .. forsi Σεβαλου ΥΙΟΣ, come dice una del Co. Lazara. Io però la voglio attribuire al mio Caio Cesare figlio d’Augusto. Il Signor Dottor Bon la riverisce, e desidera sapere se ha ricevuta la nota dello studio Boncompagno. Dice che ha in ordine tutto lo studio Tiepolo. La mia stampa ora è gionta alla p. 300 ch’è i due terzi dell’opera. Io non le posso spiegare la fatica, che faccio per la correzione. Ieri stetti sei ore intiere nella stamparia, perchè sono incredibili gli errori che visanno gl’ignoranti compositori. Ella in tutti i modi patteggicollo stampatore di volere il torchio per se, per vedere la seconda correzione fatta non con le mani, ma tirata nel torchio, perchè vi spiccano meglio gli errori. Io vado 3 volte al giorno alla stamparia per vederla su il torchio, mentre di prima erano usciti circa 30 errori in pochi fogli, i più erronei, de quali farò ristampare. In italia non si può fare altrimenti. Sarebbe bene ch’ella facesse leggere la seconda correzione da qualche persona dotta solo nel Latino, perchè ivi questo trovarebbe qualche errore; mentre l’autore come prattico del la materia, la scorre troppo veloce leggendola. Io ho meco condotto da Firenze un aiutante di studio, che quasi in ogni foglio vede qualche errore di lettere stra volte, o altro da me non osservato. » (Noris 1741, lettre XXX, col. 87-88; Missere Fontana 2001-2002, p. 219, note 59).
+
|Link=https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id=hvd.32044081387508&view=1up&seq=49&skin=2021
 +
|Grand document=Lettre du 4 janvier 1681 (de Venise): sur la collection de Pietro Morosini et Francesco Boncompagni: "[...] Quì ho veduto lo scrigno dell’Eccell. Signor Pietro Morosini, ove fra le altre cose vi sono 120. in circa medaglioni, ed il Signor Dottor Bon n’è il direttore. Ivi ne ho trovata una Greca di Cajo, benché per essere corrosse in parte le lettere, si possa dubitare se sia di Caligola. Nel dirito porta l’effigie d’Augusto coll'iscrizione. ΙΚΑΙΩΝ cioè Nicæensium, vi è qualche vestigio d’un Θ, che direbbe Θεòς. nel roverscio si legge ΓΑΙΟΣ ΣΕΒΑΣΤ.....forsi Σεβαλου ΥΙΟΣ, come dice una del Co: Lazara. Io però la voglio attribuire al mio Cajo Cesare figlio d’Augusto. Il Signor Dottor Bon la riverisce, e desidera sapere se ha ricevuta la nota dello studio Boncompagno. Dice che ha in ordine tutto lo studio Tiepolo. La mia stampa ora è gionta alla p. 300 ch’è i due terzi dell’opera. Io non le posso spiegare la fatica, che faccio per la correzione. Jeri stetti sei ore intiere nella stamparia, perché sono incredibili gli errori che vi fanno gl’ignoranti compositori. Ella in tutti i modi patteggi collo stampatore di volere il torchio per se, per vedere la seconda correzione fatta non con le mani, ma tirata nel torchio, perché vi spiccano meglio gli errori. Io vado 3. volte al giorno alla stamparia per vederla su il torchio, mentre di prima erano usciti circa 30. errori in pochi fogli, i più erronei, de' quali farò ristampare. In Italia non si può fare altrimenti. Sarebbe bene ch’ella facesse leggere la seconda correzione da qualche persona dotta solo nel Latino, perché ivi questo trovarebbe qualche errore; mentre l’autore come prattico della materia, la scorre troppo veloce leggendola. Io ho meco condotto da Firenze un ajutante di studio, che quasi in ogni foglio vede qualche errore di lettere stravolte, o altro da me non osservato. [...] Venezia 4. Gen. 1681" (Noris 1741, lettre XXX, col. 87-88; Missere Fontana 2001-2002, p. 219, note 59).
 
}}
 
}}

Latest revision as of 17:38, 26 March 2022


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-1-4
FINA IDUnique ID of the page  6627
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . January 4, 1681
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Venice 45° 26' 13.88" N, 12° 20' 4.52" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Francesco Boncompagni, Pietro Morosini, Giovanni de Lazara, Nicolò Bon
LiteratureReference to literature. Noris 16811, Noris 1741, letter XXX, col. 87-882, Missere Fontana 2001-2002, p. 219, note 593
KeywordNumismatic Keywords  collection numbers, roman, roman provincial, corrosion, caligula, nicaea, book production, errors, typography, medallions
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia https://babel.hathitrust.org/cgi/pt?id=hvd.32044081387508&view=1up&seq=49&skin=2021
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 4 janvier 1681 (de Venise): sur la collection de Pietro Morosini et Francesco Boncompagni: "[...] Quì ho veduto lo scrigno dell’Eccell. Signor Pietro Morosini, ove fra le altre cose vi sono 120. in circa medaglioni, ed il Signor Dottor Bon n’è il direttore. Ivi ne ho trovata una Greca di Cajo, benché per essere corrosse in parte le lettere, si possa dubitare se sia di Caligola. Nel dirito porta l’effigie d’Augusto coll'iscrizione. ΙΚΑΙΩΝ cioè Nicæensium, vi è qualche vestigio d’un Θ, che direbbe Θεòς. nel roverscio si legge ΓΑΙΟΣ ΣΕΒΑΣΤ.....forsi Σεβαλου ΥΙΟΣ, come dice una del Co: Lazara. Io però la voglio attribuire al mio Cajo Cesare figlio d’Augusto. Il Signor Dottor Bon la riverisce, e desidera sapere se ha ricevuta la nota dello studio Boncompagno. Dice che ha in ordine tutto lo studio Tiepolo. La mia stampa ora è gionta alla p. 300 ch’è i due terzi dell’opera. Io non le posso spiegare la fatica, che faccio per la correzione. Jeri stetti sei ore intiere nella stamparia, perché sono incredibili gli errori che vi fanno gl’ignoranti compositori. Ella in tutti i modi patteggi collo stampatore di volere il torchio per se, per vedere la seconda correzione fatta non con le mani, ma tirata nel torchio, perché vi spiccano meglio gli errori. Io vado 3. volte al giorno alla stamparia per vederla su il torchio, mentre di prima erano usciti circa 30. errori in pochi fogli, i più erronei, de' quali farò ristampare. In Italia non si può fare altrimenti. Sarebbe bene ch’ella facesse leggere la seconda correzione da qualche persona dotta solo nel Latino, perché ivi questo trovarebbe qualche errore; mentre l’autore come prattico della materia, la scorre troppo veloce leggendola. Io ho meco condotto da Firenze un ajutante di studio, che quasi in ogni foglio vede qualche errore di lettere stravolte, o altro da me non osservato. [...] Venezia 4. Gen. 1681" (Noris 1741, lettre XXX, col. 87-88; Missere Fontana 2001-2002, p. 219, note 59).

References

  1. ^  Noris, Enrico (1681), Cenotaphia Pisana Caii et Lucii Cæsarum dissertationibus illustrata, Venice.
  2. ^  Noris, Enrico (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.
  3. ^  Missere Fontana, F. (2001-2002), “Raccolte numismatiche e scambi antiquari a Bologna fra Quattrocento e Seicento », Bollettino di Numismatica, Ser. I, 36-39, pp. 205-315.