Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-12-2

From Fina Wiki
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Enrico Noris - Francesco Mezzabarba Birago - 1681-12-2
FINA IDUnique ID of the page  8567
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Enrico Noris
RecipientRecipient of the correspondence. Francesco Mezzabarba Birago
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . December 2, 1681
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Florence 43° 46' 11.53" N, 11° 15' 20.09" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Giuseppe Magnavacca, Jean Foy-Vaillant, Cosimo III de' Medici, Ferdinando Cospi
LiteratureReference to literature. Foy-Vaillant 16741, Legati 16772, Noris 1741, lettre LVI, col. 179-1823
KeywordNumismatic Keywords  book, book production, frontispiece, roman, trajan, antinous, roman provincial, fasti, legend, forgeries
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 2 octobre 1681 (de Florence) : « Circa il frontispizio del libro, bisogna empirlo, o sminuirlo, sicchè faccia bella comparsa, e deve notare che se riesce di poche righe, è necessario porvi qualche figura, come io ho posto l'Aquila insegna dello Stampatore. Gli ne mando una forma più breve. Quel capitibus aere incisi, non va bene, ed è meglio dire iconibus, senza cere incisi & c. Questo però è l'ultimo a farsi dalli Stampatori, e vi sarà tempo considerarlo meglio con levare, o d'aggiognere. Simili alla di lei medaglia, ma con diversa Trib. Pot. molte sono nelle Medicee, ma però finte, copiate però da questa antica e di ottimo metallo, pare Medicea mezzana: Imp. Caes. Nerva Trajan. Aug. Germ. Dacicus P. M. Tr. P. VII. Imp. IIII. Cos. V. P. P mulier sedens supra ſedile ex duobus cornucopiis composito &c, è nelle Cospiane. Io ſono in un grand'ingarbuglio, e vi sarà ancora lei con una medaglia di Traiano, che sta così. IMP. CAES. NERVA TRAJAN. Aug. Germ. Dacicus P. M. TR. P. VII. IMP. III. COS. IIII. DES. V. P. P. S. C. Vittoria volante con laurea nella destra, e trofeo alla sinistra. Questa sta nelle Cospiane num. 6. pag. 355. Il Sig. Magnavacca mi scrive avere anch'esso questa stessa medaglia, ed essere legittima, e senza punto di dubbio antica. Dunque sono errati i fasti, e fra il IV e V. consolato di Traiano bisogna inserire non uno, ma due colleggi di consoli. Io ho veduti i fasti d'Eusebio che visse sotto Constantino Magno, di Prospero, e Vittorio Aquitani che scrissero nel 450 d'ldazio che viveva nel 420 niuno de quali fatti ha veduto il Panvinio, perchè non s'erano per anco rittrovati, e tutti pongono un solo colleggio de' consoli fra il IV e V. consolato di Traiano. Credo che anco nel Vaillant vi sia una tale medaglia. So che i fasti sotto Trajano sono confusi, e maggiormente gli ha confusi il Baronio ed il Ricciolio. Se diremmo che in più medaglie sia errore, è cosa difficile a credersi, se si dica che tutti i fasti sono errati, e stravagante. Lei però che su le medaglie fonda la Cronologia del suo volume, farà meglio inserire due consolati, con notare però la commune epoca consolare dei fasti. Già le scrissi trovarsi questa medaglia Medicea fra le venute dalla Spagna. Imp. Caes. Nerva Trajan. Aug. Germ. P. M. TR. P. VI. IMP. IIII. COS. IIII. DES. V. Mulier sedens dex. ramum, sin. scipionem tenens. Principiò la Trib. Pot. VI anno Christi 102, nel Novembre, ne vi si legge DACICUS, dal che io argomento, che in tale tempo, benchè avesse vinti i Daci, come prova il titolo IMP. IIIII non per ancora avesse trionfato, e nel trionfo ottenuto tal nome di Dacico, come vuole Dione. Quindi nella medaglia d'argento di S A rittrovandosi una di Trajano con questa sola iscrizione nel rovescio DACICUS COS IIII. Hercules nudus dex. clavam &c. pare ſi debba porre il Cos. V. di Trajano, nell'anno I04. Se uno però dica in difesa de i fasti, che nel Novembre anno 102. principiando la Trib. Pot. VI. non per ancora aveva trionfato, ed ottenuto il titolo Dacicus, che ottenne poi avanti finisce l'anno, ed entrasse Kal. Januariis Cos. V. non si potrebbe convincere. Sicché tutta la difficoltà è nelle medaglie col TR. P. VII. Cos. Des. V. Io le propongo questo grave dubbio, che potrà risolvere come le piacerà. » ; « Se V. S. farà un poco di prefazione al Lettore, ivi potrà porre la necessità avuta d'inserire le medaglie Greche d'Antinoo ed altre per supplire alla mancanza delle Latine. O pure se non vuole porvi i tale prefazione, basta ciò noti sotto la prima medaglia Greca che reciterà nel suo volume, col aggiugnere. qua & de quibusdam aliis Graecis numismatibus, ob Latinorum defectum, huic operi insertis, dictum volo &c. La medaglia del Vaillant tom. 1. p. 51. TR. P.VIII. cos. IIII des. V. si può correggere, come emenderà i fasti, perchè trovandosi TR. P. VI. cos. IIII. des. V. ed altre Tr. P. VII. cos. V. che tre ne sono Medicee legittime, si vede essere errore in quella del Vaillant. La Santità di Nostro Signor Innocenzio XI. ha accettata la mia rinonzia per intercessione di questa A. S. onde rimarrò quì, come fui per l'avanti, in Firenze 2. Ottobre 1681 » (Noris 1741, lettre LVI, col. 179-182).

RemarksRemarks regarding the annotation. (fr)

La date du 2 octobre est sand doute erronée et doit être corrigée en 2 décembre (fr)

References

  1. ^  Foy-Vaillant, Jean (1674), Numismata imperatorum romanorum præstantiora, a Julio Cæsar ad Postumum et Tyrannos. Per Ionnen Vaillant, bellovacensem, doct(orem) med(icum) & Regium antiquarium, à Paris, chez Ninville et Villery, 2 vol., I. Bronze. II. Or et argent.
  2. ^  Legati, Lorenzo (1677), Mvseo Cospiano annesso a quello del famoso Vlisse Aldrovandi e donato alla sua patria dall'illustrissimo signor Ferdinando Cospi, Bologna.
  3. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.