The FINA wiki is currently being maintained. You can safely read all content, but please don't edit anything here!

Francesco de' Ficoroni - Antonio Francesco Gori - 1739-7-18

From Fina Wiki
Revision as of 00:40, 6 November 2019 by FDeCallatay (talk | contribs) (Created page with "{{Correspondence |Institution=Florence, Biblioteca Marucelliana |Inventory=BVII, 11, f° 154r-v |Author=Francesco de' Ficoroni |Recipient=Antonio Francesco Gori |Correspondenc...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Francesco de' Ficoroni - Antonio Francesco Gori - 1739-7-18
FINA IDUnique ID of the page  5238
InstitutionName of Institution. Florence, Biblioteca Marucelliana
InventoryInventory number. BVII, 11, f° 154r-v
AuthorAuthor of the document. Francesco de' Ficoroni
RecipientRecipient of the correspondence. Antonio Francesco Gori
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . July 18, 1739
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 41.28" N, 12° 29' 7.22" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature.
KeywordNumismatic Keywords  drawing, gems, greek
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 18 juillet 1739 (de Rome): “Sono 24 anni che Io gli fui il p.° Direttore o Maestro; ma col suo gran genio mi ha di molto superato, stante anche che ha quella gran rarità di beni di fortuna, non concessa a noi altri poveri curiosi. Io gli diedi un’Urnetta della famiglia Gellia, che per l’eccellenza dello scolpitore, me la feci delineare, e VS. Ill.ma più di me potrebbe far risaltare le note, che così piacendogli, le mandarei il disegno senza spesa di porto, e q.o solam.te per eternare detto Mylord ne li scritti. So che ha acquistato il bel cameo dell’Arca di Noé, che abbiamo nelle medaglie greche ed è bell’ornamento al Tesoro delle di lui gemme lavorate, che pari non sono in tutta l’Inghliterra” (Firenze, Biblioteca Marucelliana, BVII, 11, f° 154r-v – online).