Difference between revisions of "Fulvio Orsini - Antonio Agustin - 1566-10-12"

From Fina Wiki
(Created page with "{{Correspondence |Institution=Madrid, Biblioteca Nacional de España |Inventory=Ms. 5781. [Former number, Q, 87], 42 v.-48 v. |Author=Fulvio Orsini |Recipient=Antonio Agustin...")
 
 
(5 intermediate revisions by 2 users not shown)
Line 1: Line 1:
 
{{Correspondence
 
{{Correspondence
 
|Institution=Madrid, Biblioteca Nacional de España
 
|Institution=Madrid, Biblioteca Nacional de España
|Inventory=Ms. 5781. [Former number, Q, 87], 42 v.-48 v.
+
|Inventory=Ms. 5781 (Former number, Q, 87), 42v-43v
 
|Author=Fulvio Orsini
 
|Author=Fulvio Orsini
 
|Recipient=Antonio Agustin
 
|Recipient=Antonio Agustin
Line 7: Line 7:
 
|Place=Rome
 
|Place=Rome
 
|Coordinates=41.89332, 12.48293
 
|Coordinates=41.89332, 12.48293
|Associated persons=Antoine Perrenot de Granvelle; Pirro Ligorio; Onofrio Panvinio; Ottavio Bagatto; Alessandro Farnese
+
|Associated persons=Antoine Perrenot de Granvelle; Pirro Ligorio; Onofrio Panvinio; Alessandro Farnese; Ottavio Pantagato
|Literature=Wickersham Crawford 1913, lettre 1, p. 581-584
+
|Literature=Wickersham Crawford 1913, Lettre n° 1, p. 581-584
 
|Numismatic keyword=roman; pescennius niger; Servius Rufus; collection classification
 
|Numismatic keyword=roman; pescennius niger; Servius Rufus; collection classification
 
|CorrespondenceLanguage=Italian
 
|CorrespondenceLanguage=Italian
|Grand document=-Lettre du 12 octobre 1566 (de Rome) : « Quando io ricevei l’ultima lettera di V. S. R., ero in Caprarola, et non son poi tornato a Roma, se non quattro giorni fa, per esser stato in molti luoghi in servitio de’ patroni, et hora essendo qua, à niuna cosa ho pensato prima che a servire V. S. R. sicome e debito mio. Et quanto al Pescennio, io credo sia piutosto smarrito che perso, non mi parendo altramente verisimile, havendomi mostro il Canonico Manlo le medaglie che recupero da quel servitore di mio Martino, esser furto di huomo che cercava l’argento, et non la rarita de le cose che non intendeva «  « II Servius Rufus sta cosi, tanto nell’aureo, quanto nell’argenteo nummo. Appresso Tacito nel 13 si fa mentione d’un Sentio Rufo, o vero, Senio, secondo i libri scritti. V. S. R. consideri si quid ad rem. Il Cardinale Granvela si raccorda assai assai a V. S. R. E tutto ne le medaglie, et se non fosse tanto impedito da le facende, sarrebbe una dolce pratica. lo penso d’haver condutto a buon termine la pratica del studio di Pirrho per il Cardinale Farnese, se l’uno o l’altro non mi manca, che in vero, se perdemo Pirro da Roma, poco piu vi resta, che mio Benedetto ha perso la memoria afatto, il Padre Ottavio non puo durare troppo fatica et il Frate Onofrio e un piantatore di carote, secondo dice il vulgo, si che V. S. R. vede l’antichita come sono ridotte » (Madrid, Biblioteca Nacional, Ms. 5781. [Former number, Q, 87], 42 v.-48 v. ; Wickersham Crawford 1913, lettre 1, p. 581-584).
+
|Link=https://www.jstor.org/stable/457056?seq=1#metadata_info_tab_contents
 +
|Grand document=Lettre du 12 octobre 1566 (de Rome): "Quando io ricevei l’ultima lettera di V. S. R., ero in Caprarola, et non son poi tornato a Roma, se non quattro giorni , per esser stato in molti luoghi in servitio de’ patroni, et hora essendo quà, à niuna cosa pensato prima che à servire V. S. R. sicome è debito mio. Et quanto al Pescennio, io credo sia piutosto smarrito che perso, non mi parendo altramente verisimile, havendomi mostro il Canonico Manlo le medaglie che recuperò da quel servitore di mio Martino, esser furto di huomo che cercava l’argento, et non la rarità de le cose che non intendeva" ; "II Servius Rufus stà così, tanto nell’aureo, quanto nell’argenteo nummo. Appresso Tacito nel 13 si mentione d’un Sentio Rufo, ò vero, Senio, secondo i libri scritti. V. S. R. consideri si quid ad rem. Il Cardinale Granvela si raccorda assai assai à V. S. R. E' tutto ne le medaglie, et se non fosse tanto impedito da le facende, sarrebbe una dolce pratica. lo penso d’haver condutto à buon termine la pratica del studio di Pirrho per il Cardinale Farnese, se l’uno ò l’altro non mi manca, che in vero, se perdemo Pirro da Roma, poco più vi resta, che mio Benedetto ha perso la memoria afatto, il Padre Ottavio non può durare troppo fatica et il Frate Onofrio è un piantatore di carote, secondo dice il vulgo, che V. S. R. vede l’antichità come sono ridotte. (...) Da Roma à XII d'ottobre 1566" [Madrid, Biblioteca Nacional, Ms. 5781 (Former number, Q, 87), 42v-43v; Wickersham Crawford 1913, Lettre n° 1, p. 581-584].
 
}}
 
}}

Latest revision as of 18:17, 12 December 2021


Fulvio Orsini - Antonio Agustin - 1566-10-12
FINA IDUnique ID of the page  6799
InstitutionName of Institution. Madrid, Biblioteca Nacional de España
InventoryInventory number. Ms. 5781 (Former number, Q, 87), 42v-43v
AuthorAuthor of the document. Fulvio Orsini
RecipientRecipient of the correspondence. Antonio Agustin
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . October 12, 1566 JL
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 35.95" N, 12° 28' 58.55" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Antoine Perrenot de Granvelle, Pirro Ligorio, Onofrio Panvinio, Alessandro Farnese, Ottavio Pantagato
LiteratureReference to literature. Wickersham Crawford 1913, Lettre n° 1, p. 581-5841
KeywordNumismatic Keywords  roman, pescennius niger, servius rufus, collection classification
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia https://www.jstor.org/stable/457056?seq=1#metadata info tab contents
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 12 octobre 1566 (de Rome): "Quando io ricevei l’ultima lettera di V. S. R., ero in Caprarola, et non son poi tornato a Roma, se non quattro giorni fà, per esser stato in molti luoghi in servitio de’ patroni, et hora essendo quà, à niuna cosa hò pensato prima che à servire V. S. R. sicome è debito mio. Et quanto al Pescennio, io credo sia piutosto smarrito che perso, non mi parendo altramente verisimile, havendomi mostro il Canonico Manlo le medaglie che recuperò da quel servitore di mio Martino, esser furto di huomo che cercava l’argento, et non la rarità de le cose che non intendeva" ; "II Servius Rufus stà così, tanto nell’aureo, quanto nell’argenteo nummo. Appresso Tacito nel 13 si fà mentione d’un Sentio Rufo, ò vero, Senio, secondo i libri scritti. V. S. R. consideri si quid ad rem. Il Cardinale Granvela si raccorda assai assai à V. S. R. E' tutto ne le medaglie, et se non fosse tanto impedito da le facende, sarrebbe una dolce pratica. lo penso d’haver condutto à buon termine la pratica del studio di Pirrho per il Cardinale Farnese, se l’uno ò l’altro non mi manca, che in vero, se perdemo Pirro da Roma, poco più vi resta, che mio Benedetto ha perso la memoria afatto, il Padre Ottavio non può durare troppo fatica et il Frate Onofrio è un piantatore di carote, secondo dice il vulgo, sì che V. S. R. vede l’antichità come sono ridotte. (...) Da Roma à XII d'ottobre 1566" [Madrid, Biblioteca Nacional, Ms. 5781 (Former number, Q, 87), 42v-43v; Wickersham Crawford 1913, Lettre n° 1, p. 581-584].

References

  1. ^  Wickersham Crawford, (1913), "Inedited Letters of Fulvio Orsini to Antonio Agustín", Publications of the Modern Language Association of America, 28/4, p. 577-593.