Giovan Pietro Bellori - Leopoldo de Medici - 1674-11-2

From Fina Wiki
Revision as of 09:40, 2 August 2019 by FDeCallatay (talk | contribs) (Created page with "{{Correspondence |Institution=Florence, Archivio di Stato |Inventory=Carteggio d’artisti, XXI, f° 247 |Author=Giovan Pietro Bellori |Recipient=Leopoldo de Medici |Correspon...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Giovan Pietro Bellori - Leopoldo de Medici - 1674-11-2
FINA IDUnique ID of the page  1612
InstitutionName of Institution. Florence, Archivio di Stato
InventoryInventory number. Carteggio d’artisti, XXI, f° 247
AuthorAuthor of the document. Giovan Pietro Bellori
RecipientRecipient of the correspondence. Leopoldo de Medici
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . November 2, 1674
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 41.28" N, 12° 29' 7.22" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Antonio Agustin, Fulvio Orsini, Filippo Paruta, Leonardo Agostini, Francesco Angeloni, Francesco Gottifredi
LiteratureReference to literature. Fileti Mazza 1998, Appendice XXXIII, p. 5321, Missere Fontana 2009, p. 2872
KeywordNumismatic Keywords 
LanguageLanguage of the correspondence
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

Lettre du 2 nov. 1674 (de Rome) : «Questa mattina ho consegnato in mano del signor Monanni li due esemplari legati : li Dialoghi di Antonio Agostini e l’Istoia Augusta dell’Angeloni, conforme l’ordine di Vostra Altezza Reverendissima. Questa sera ho ricuperato il foglio GGg che manca alle famiglie romane di Fulvio Orsino, ma non sono in tempo di mandarlo prima di lunedi. Con questa occasione espongo per mia quiete a Vostra Altezza Reverendissima, che li due esemplari del Paruta furono da me comperati scudi otto l’uno dal signor Leonardo Agostini, nonostante che altri non l’abbia mai avuti meno di dieci scudi. Trovai allora che un libraro ne avena avuti alcuni esemplari rimasti alli figliuoli del signor Francesco Gottifredi, bona memoria, et me li averebbe dati per sei scudi l’uno, ma perché li riconobbi manchevoli di più fogli intieri et di altri non compiuti di medaglie senza il frontespizio, stimi meglio seguitare il primo partito. Il che ho preso ardire di esporre ll’Altezza Vostra Reverendissima, accioché in ogni caso ne sia informata t dela premura usara nella compera degli altri libri, non avendo in questo mondo cos ache più io desideri che il corripsondere all’onore de’ comandamenti di Vostra Altezza Reverendissima con la mia umilissima servitù… » (Florence, ASF, Carteggio d’artisti, XXI, f° 247 ; M. Fileti Mazza 1998, Appendice XXXIII, p. 532 ; voir Missere Fontana 2009, p. 287).

References

  1. ^ Fileti Mazza 1998 
  2. ^  Missere Fontana, F. (2009), Testimoni parlanti. Le monete antiche a Roma tra Cinquecento e Seicento, Rome.