Johann Joachim Winckelmann - Giovanni Ludovico Bianconi - 1758-7

From Fina Wiki
Revision as of 08:36, 5 April 2020 by FDeCallatay (talk | contribs) (Created page with "{{Correspondence |Author=Johann Joachim Winckelmann |Recipient=Giovanni Ludovico Bianconi |Correspondence date=July 1758 |Place=Rome |Coordinates=41.89332, 12.48293 |Associate...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Johann Joachim Winckelmann - Giovanni Ludovico Bianconi - 1758-7
FINA IDUnique ID of the page  7108
InstitutionName of Institution.
InventoryInventory number.
AuthorAuthor of the document. Johann Joachim Winckelmann
RecipientRecipient of the correspondence. Giovanni Ludovico Bianconi
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . July 1758
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 35.95" N, 12° 28' 58.55" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Paolo Pedrusi, Nicolas-Joseph Foucault, Enrico Noris, Francesco Mezzabarba Birago, Bernard de Montfaucon, Alessandro Albani
LiteratureReference to literature. Pedrusi 16941, Montfaucon 17082, Noris 17413, Rehm 1952, n° 223/II, p. 388-914, Callataÿ 2007, p. 5955
KeywordNumismatic Keywords  npales, coin cabinet, coin cabinet (managing), book, errors, roman, greek, coin cabinet (acquisitions), collection price, aemilianus
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre de juillet 1758 (de Rome) : « I. Del Museo Reale a Capo di Monte a Napoli: «In questo Palazzo rimasto imperfetto a cagione della guerra di Veletri e collocata tutta la Galleria de’Quadri, la Libreria, il Museo delle Medaglie e gl’Intagli e Camei de’Duchi di Parma. Ma questo Palazzo essendo situato in un’eminenza che signoreggia tutta la Città si arriva superata la salita erta e scoscesa con un palmo di lingua fuora e per questo Motivo i Napolitani non sene pigliano tnato fastidio ... La maggior parte de’Quadri e i migliori sono disposti in 20 gran Stanzioni. Le Medaglie erano gia mese in ordine ... Le Medaglie son disposte in 20 gran Tavoloni coperti d’una stiaccia o sottil rete di rame. Tutte sono incastrate in bacchette di bronzo le quali si voltano di modo che si può vedere il diritto e il rovescio. Le ho esaminate, levatane la stiaccia, giornate intiere, e il buon Padre ci prese gusto notando quello che raggionassimo insieme. Il Museo è piu amplo di quello che ne da l’idea il libro del P. Pedrusi (libro cattivo e sacerrimo ma stimatissimo da’Pedanti) il quale non s’è appigliato che alle Medaglie Romane, per partorire piu presto grossi volumacci, e perchè le Romane danno piu campo a far scorrerie historiche. Il principale di questo Museo, almeno al genio mio, sono le Medgalie Grecche in 5 tavoloni, delle quali la maggior parte era il già famoso Museo di Faucault (notizia che non si sa a Napoli) comprato dall’ultimo Duca di Parma. Il Card. Noris ne fa menzione nel carteggio col Conte Mezzabarba e anche Montfaucon Palaeogr. Questa Raccolta e la liberta con cui l’ho maneggiata, mi ha dati più lumi che tant’altri Musei che ho veduti. S. M. ha accresciuto il Museo colla compra delle Medaglie degl’Imp. Rom. in oro, raccolto dall’Emin. Alessandro Albano e regalate alla Marchesa Grimaldi sua amica, dopo cui morte per mezzo d’un Mercante di Livorno è unita colla Farnesiana. Il Re l’ha pagata 4050 Ducati Napolitani. Consiste di 143 Med. e la piu rara è un Emiliano, s’intende, in oro » (Rehm I 1952, n° 223/II, p. 388-91 ; Callataÿ 2007, p. 595).

References

  1. ^  Pedrusi, Paolo (1694), I Cesari in oro: Raccolti nel Farnese Museo, E pubblicati colle loro congrue interpretazioni, I, Parma.
  2. ^  Monfaucon, Bernard de (1708), Palaeographia Graeca, sive, De ortu et progressu literarum graecarum, Paris.
  3. ^  Noris, E. (1741), Istoria delle investiture delle dignità ecclesiastiche, scritta dal padre Enrico Noris poi cardinale di santachiesa contra Luigi Maimburgo con dugento, e quatro lettere parimente non più stampate del medesimo autore in materie erudite, in Id., Opera Omnia, V, Mantova: A spese di Gio. Alberto Tumarmani.
  4. ^  Rehm, Walther (ed.) (1952), Johann Joachim Winckelmann. vol. I : 1742-1759, Berlin.
  5. ^  Callataÿ, François de (2007), "Winckelmann et les monnaies antiques", Revue des Etudes Grecques, 120, juil.-déc., pp. 553-601.