Ottavio Falconieri - Leopoldo de Medici - 1669-3-30

From Fina Wiki
Revision as of 08:07, 16 October 2019 by FDeCallatay (talk | contribs) (Created page with "{{Correspondence |Institution=Florence, Archivio di Stato |Inventory=Carteggio d’artisti, X, f° 236 |Author=Ottavio Falconieri |Recipient=Leopoldo de Medici |Correspondence...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Ottavio Falconieri - Leopoldo de Medici - 1669-3-30
FINA IDUnique ID of the page  4921
InstitutionName of Institution. Florence, Archivio di Stato
InventoryInventory number. Carteggio d’artisti, X, f° 236
AuthorAuthor of the document. Ottavio Falconieri
RecipientRecipient of the correspondence. Leopoldo de Medici
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . March 30, 1669
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Rome 41° 53' 41.28" N, 12° 29' 7.22" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation. Agostino Monanni, Francesco Cameli, Antonio Cavalieri, Leonardo Agostini
LiteratureReference to literature. Giovannini 1984, p. 243-4, lettre 1301
KeywordNumismatic Keywords  price, roman, faustina, cleaning, alexander the great, catalogue, pertinax
LanguageLanguage of the correspondence Italian
LinkLink to external information, e.g. Wikpedia
Map
Loading map...
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 30 mars 1669 (de Rome) : » Ho ricivuto insieme con le due begninissime lettere di V(ostra) A(ltezza) le due medaglie d’oro el’altro quattro incluse nello scatolino sopra le quali, havendo di nuovo trattato con Innocenzio, m’è riuscito di conchiudere con esso lui la compra per ventisei scudi, et in esecuzione degli ordini di V(ostra) A(ltezza) consegnerò al Monanni la medaglia di Faustina, la quale solamente ha bisogno della diligenza et industria del Cammeli. Il Bancherotto s’è anch’egli contentato delle nove doppie per i due medaglioni e di trentacinque giuli per l’altre due medaglie che V(ostra) A(ltezza) s’è ritenuta appresso di sé, onde il conto rimarrà aggiunstato con esso lui ogni volta che dall’A(ltezza) V(ostra) mi sarà rimandato l’Alessendro d’oro da me mandatole insieme con esse. L’Agostini mi ha a questi giorni domandato se io havevo riposta alcuna di V(ostra) A(ltezza) intorno all’indice delle sue medaglie da me inviatole qualche tempo fa, onde supplico l’A(ltezza) V(ostra) a degnarsi di accennarmi la sua volontà sopra di ciò. (...) Starò aspettando di ricevere il Pertinace per poter anche in questo sodisfare al debito che ho di servire a V(ostra) A(ltezza)... » (Firenze, ASF, Carteggio d’artisti, X, f° 236; Giovannini 1984, p. 243-4, lettre 130).

RemarksRemarks regarding the annotation. (fr)

Les deux médailles d’or sont celles attendues par F. dans la lettre précédente. Les quatre autres ont été proposées par Innocenzio (lettre 128). Note 5: la médaille de Faustine, proposée avec trois autres par Innocenzo qui ont été fournies par un campagnard. [ Rien apparament dans Fileti Mazza, si ce n’est une lettre d’Agostini qui en fait les concerne: Carteggio d’Artisti XVII, à Léopold, carta 106, du 9 mars 1669 [même date que la lettre 128 où il est question pour la première fois de ces monnaies], p. 245, «Faustina Minore»: « Questa settimana gli ho fatto portare (...) una Faustina di Antonino con il roverso di due elefanti che tirano un carro; questa fu ritrovata dalla passata settimana in mano di un contadino, sono tutte rare e voglio credere che il serenissimo signor Cardinale non le lasserà fuggire. » La même lettre, p. 208, coupé différement: « Questa settimana gli ho fatto portare un Calicula di argento greco medaglia doppia (...) sono tutte rare e voglio credere che il serenissimo signor Cardinale non le lasserà fuggire. » Idem, p. 295: « Questa settimana gli ho fatto portare (...) una Plotina greca a mio parere questa è mezana, di metallo (...) sono tutte rare e voglio credere che il serenissimo signor Cardinale non le lasserà fuggire. » Idem, p. 339: éQuesta settimana gli ho fatto portare (...) una di Vespasiano greca pur medaglia di argento doppia pur di peso (...) sono tutte rare e voglio credere che il serenissimo signor Cardinale non le lasserà fuggire. Ces extraits ne permettent pas de savoir dans quel ordre Agostini mentionnait les deux dernières. On sait au moins quelles sont les quatre monnaies. Fileti Mazza cite encore un autre extrait de la même lettre, p. 241 et p. 288 (tronquée), à propos des monnaies refusées (Euphémia et Olibrius) par Léopold: « Il signor abbate Falconieri averà recapitato della settimana decorsa a Sua Altezza Reverendissima due medaglie d’oro, una di Olibrio et l’altra di Eufemia imperatrice, questa è medaglia rarissima che qui non l’ho veduta in alcuno studio, veda Vostra Altezza lo Strada, che forse vi sarà stampata, sono capitate al Bancherotto et io subito le feci recapitare al signor abbate. »Pour encore un autre extrait de cette lettre, cité par Giovannini cette fois, en note, cf. lettre suivante.] (fr)

References

  1. ^  Giovannini, L. (éd.) (1984), Lettere di Ottavio Falconieri a Leopoldo de’ Medici (Carteggio d’Artisti dell’Archivio di Stato di Firenze, X), Florence.