Sebastiano Gussoni Giuliani - Camillo Silvestri - 1702-9-3

From Fina Wiki
Revision as of 21:39, 16 March 2020 by FDeCallatay (talk | contribs) (Created page with "{{Correspondence |Institution=Rovigo, Biblioteca dell’Accademia dei Concordi |Inventory=Silvestri 190, lettre 85 |Author=Sebastiano Gussoni Giuliani |Recipient=Camillo Silve...")
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)


Sebastiano Gussoni Giuliani, Padua

Sebastiano Gussoni Giuliani - Camillo Silvestri - 1702-9-3
FINA IDUnique ID of the page  6327
InstitutionName of Institution. Rovigo, Biblioteca dell’Accademia dei Concordi
InventoryInventory number. Silvestri 190, lettre 85
AuthorAuthor of the document. Sebastiano Gussoni Giuliani
RecipientRecipient of the correspondence. Camillo Silvestri
Correspondence dateDate when the correspondence was written: day - month - year . September 3, 1702
PlacePlace of publication of the book, composition of the document or institution. Padua 45° 24' 27.79" N, 11° 52' 24.42" E
Associated personsNames of Persons who are mentioned in the annotation.
LiteratureReference to literature. Missere Fontana 2014a, p. 360, notes 73, 77Missere Fontana 2014a
KeywordNumismatic Keywords  Otho , Forgeries , Antonia , Julia Paula , Plautilla , Faustina
LanguageLanguage of the correspondence Italian
External LinkLink to external information, e.g. Wikpedia 
Map
Loading map...
You can move or zoom the map to explore other correspondence!
Grand documentOriginal passage from the "Grand document".

-Lettre du 3 septembre 1702 (de Padoue) : » L’Ottone di cui le inviai il dissegno è quell’istesso che haveva il sig. Conte Antonio Frizimelica e non un consimile, perché tal sorta di medaglie non si trové per ogni cantone. Fu al contrato il detto signore, ma bramando tempo per il contante, e lasciò d’espirare senza eseguirlo. Pretese il possessore di poterne disporre. Mi fu dunque portato, e conoscendo per esso lui, ch’havevo veduto in sue mani, e che l’havevo consigliato a non lasciarselo scapare, fui in dubio di prenderlo perché saputolo, dubitavo ch’entrasse in sospetto ch’io gle lo incalza ssi : ad ogni modo sendo fatto certo che non lo prende più, per importanza, feci il contrato con altre tre e me ne feci patrone, tenendolo però secreto, senza farlo sapere ad alcuno, che a lei, che prego far l’istesso. Se ella sapesse quante rare medaglie vanno attorno si stupirebbe, segno evidente che non vi sono dilettanti, o che vi è carestia di contante. Ho veduto hieri una medaglia mezzana di Antonia col capo velato, e con rovescio d’un ara e littere PACI PERP … S. C. ma per esser troppo mal trattata dal tempo l’ho lasciata, pur Giulia Paula con figura stante e littere VENERI FELICI e Plautilla con VENUS VICTRIX, et altra che taccio per non destarle l’apetito e crescer a me il ramarico di non potter più sender. Attenderò con suo commodo il suo sentimento sopra Faustina, che non è ancora in mio possesso, ma spero verrà » (Rovigo, Biblioteca dell’Accademia dei Concordi, Silvestri 190, lettre 85 ; F. Missere Fontana 2014, p. 360, notes 73, 77).